La signora che ha portato Salvini al citofono smentisce Lega e meme: “Mi hanno contattato loro”

di Redazione Bufale |

Salvini
La signora che ha portato Salvini al citofono smentisce Lega e meme: “Mi hanno contattato loro” Bufale.net

Non si placano le polemiche questo pomeriggio, a proposito di Salvini e della sua iniziativa di correre al citofono della famiglia tunisina per chiedere ad un ragazzo di 17 anni se fosse coinvolto in un giro di spaccio di droga nella periferia di Bologna. Dopo le polemiche di questa mattina, che vi abbiamo riportato prontamente e che a conti fatti includono anche la risposta del ragazzo, è arrivata finalmente anche la presa di posizione della signora che ha accompagnato il leader della Lega presso l’abitazione del ragazzo.

Cosa dice la signora che ha accompagnato Salvini al citofono

Un contributo in questo senso ci arriva da TPI, che svela due dettagli non secondari sulla vicenda che oggi 22 gennaio ha tenuto banco sui social. Da un lato, infatti, occorre evidenziare che la signora ha confermato la propria preferenza politica per la Lega, al netto dei problemi avuti oggi con le presunte ritorsioni sfogate sull’auto del proprio compagno. Ma quella, come si può facilmente immaginare, è un’altra storia sulla quale torneremo a fine articolo.

Nel dettaglio, la signora ha affermato di non essere stata lei a portare Salvini al citofono. Al contrario, sarebbero stati alcuni esponenti della Lega ieri mattina ad averla contattato chiedendole di indicare loro dove si trovasse la residenza dei presunti spacciatori della zona. E a quel punto la donna si sarebbe limitata a dirglielo. In questo modo, sono state parzialmente smentite fonti interne alla Lega votate all’intervento su richiesta esplicita da parte della stessa signora.

Per quanto riguarda l’auto “distrutta”, va precisato che la vettura sia di proprietà del compagno della donna (non il marito) e che secondo quanto riportato anche da Repubblica, i danni sarebbero limitati. Un altro capitolo da aggiungere alla famosa citofonata di Salvini al tunisino, in un quartiere di Bologna che resta comunque assai complesso.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News