Il massacro degli albini in Africa, uccisi per venderne le ossa

di Luca Mastinu |

Il massacro degli albini in Africa, uccisi per venderne le ossa Bufale.net

Ciò che Fanpage riporta, segnalato dai nostri lettori, è vero: in alcuni Paesi dell’Africa gli albini sono perseguitati a seguito di superstizioni e pregiudizi.

Fanpage riporta il caso del Malawi, di cui già si era occupata la CNN nel giugno 2018: gli albini vengono cacciati, catturati e mutilati per essere consegnati agli stregoni, in numeri che gli organi di stampa sintetizzano con la parola “estinzione” riportando la preoccupazione delle Nazioni Unite. Sull’argomento esiste anche un rapporto di Amnesty International pubblicato in estate nel quale leggiamo che dal 2014 si sono consumati 148 crimini contro persone affette da albinismo, di cui 14 omicidi e 7 tentati omicidi.

Nel Malawi – ma anche in Tanzania, Mozambico e Sud Africa – è diffusa la convinzione che le parti del corpo degli albini abbiano forti poteri magici e dunque vengono vendute agli stregoni che possono pagare fino a 75.000 dollari, come riporta anche un rapporto della Croce Rossa citato anche da Fanpage.

Per scongiurare l’estinzione degli albini in alcuni paesi dell’Africa Ikponwosa Ero, massima esperta delle Nazioni Unite in fatto di albinismo, ha parlato di emergenza e chiesto già dal 2016 l’intervento dei Governi, specie per introdurre pene più proporzionate a chiunque si macchi di reati contro il popolo albino. Durante una giornata mondiale di sensibilizzazione sulle persecuzioni contro gli albini tenutasi il 13 giugno il governo del Malawi – riporta anche Fanpage – ha preso l’impegno di proteggere le persone albine presenti nei paesi sensibili all’argomento, ma ciò che emerge dal rapporto è che in quei Paesi vi è una seria falla a livelli educativo e sul piano della consapevolezza.

Per questo l’associazione APAM, ovvero l’Associazione dei cittadini albini del Malawi ha dichiarato che per le elezioni che si terranno nel 2019 candiderà 6 albini (CNN). Su questa possibilità il presidente di APAM, Overstone Kondowe, è stato contattato dall’agenzia Reuters e ha riferito che la candidatura di una delegazione del popolo albino alle prossime elezioni serve, prima di tutto, ad abbattere il pregiudizio e a sollevare l’attenzione sul fenomeno.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News