Joe Biden e il Nuovo Ordine Mondiale: “Ha usato il Covid per ristabilirlo”, il cherry picking è servito

di Luca Mastinu |

Joe Biden e il Nuovo Ordine Mondiale: “Ha usato il Covid per ristabilirlo”, il cherry picking è servito Bufale.net

Joe Biden Nuovo Ordine Mondiale: pochi giorni fa i due termini (#biden#newworldorder#nwo) sono esplosi in tendenza su Twitter a seguito di un discorso del presidente degli Stati Uniti in cui sono state usate proprio le parole “nuovo ordine mondiale”. Il risultato è in un post virale in cui vediamo Biden affiancato da un’interprete della LIS e il sottotitolo: “Biden admits to using Covid to establish economic ‘New World Order'”, nella cornice di un servizio dell’emittente Fox News.

Il discorso di Joe Biden

Alle spalle del presidente americano vediamo l’acronimo BR che sta ad indicare la Business Roundtable, un’associazione di amministratori delegati delle principali società americane che ciclicamente si riunisce “per promuovere una fiorente economia statunitense e ampliare le opportunità per tutti gli americani attraverso solide politiche pubbliche”.

È stato inevitabile, durante l’incontro di lunedì 21 marzo 2022, fare un riferimento alla crisi in Ucraina. Joe Biden ha parlato in presenza dei delegati di Amazon, General Motors e Apple. Il leader statunitense ha detto:

Siamo a un punto di svolta, credo, nell’economia mondiale – non solo nell’economia mondiale ma nel mondo, che si verifica ogni tre o quattro generazioni. Ora è il momento in cui le cose stanno cambiando. Ci sarà un nuovo ordine mondiale e dobbiamo guidarlo e dobbiamo unire il resto del mondo libero nel farlo.

Questo è l’estratto ripreso dalle testate, e troviamo il discorso integrale in questa trascrizione presente sul sito istituzionale della Casa Bianca.

Joe Biden e il Nuovo Ordine Mondiale

Il riferimento al “nuovo ordine mondiale” usato da Joe Biden è stato ripreso sui social, specialmente da utenti che sostengono la teoria del complotto secondo la quale una cabala di potenti starebbe progettando il controllo della popolazione mondiale. La pandemia del Covid-19 è stata un ulteriore tassello che ha favorito tali associazioni, ma possiamo già dire che Biden, come emerge dalla versione integrale del discorso (recap: qui), ha parlato di Covid solamente in questo estratto:

Ci conosciamo da molto, molto tempo. E, sapete, ho ospitato tavole rotonde del CEO, sapete, alla Casa Bianca, anche con molti di voi nel corso degli anni. E abbiamo lavorato insieme all’American Rescue Plan, al COVID, alle infrastrutture, alle catene di approvvigionamento, all’innovazione, al clima e all’energia pulita, alla riduzione dei costi e molto altro ancora.

Nient’altro. Tuttavia, c’è chi ha messo insieme gli elementi “covid”“nuovo ordine mondiale” per trovare la prova di un potenziale coinvolgimento degli Stati Uniti nel piano di controllo della popolazione del mondo. Su questo aspetto troviamo un articolo dell’Independent, che specifica che se considerassimo il discorso di Joe Biden per intero capiremmo che in realtà l’inquilino della Casa Bianca si riferiva all’assetto geopolitico messo a dura prova dalla crisi in Ucraina. Per questo – secondo Biden – le potenze mondiali devono impegnarsi per ripristinare un equilibrio che escluda il Cremlino (finché ci sarà Putin al potere) in termini di relazioni diplomatiche.

Sempre l’Independent fa notare che anche Bush Senior, nel 1991, parlò di “nuovo ordine mondiale” (qui il documento originale) nel contesto della fine della Guerra Fredda, e lo fece riprendendo le parole che Winston Churchill usava per descrivere la cortina di ferro. Il “nuovo ordine mondiale” di cui parlarono Churchill e Bush Senior, e di cui ha parlato anche Joe Biden lunedì, altro non è che un nuovo assetto geopolitico. È chiaro che Churchill, Bush e Biden appartengono a tre contesti storici diversi, ma in nessuna delle tre occasioni si può dire che ci siano riferimenti a un controllo della popolazione. Nel caso di Biden, soprattutto (a tal proposito rinnoviamo l’invito a consultare la trascrizione integrale), l’accostamento tra “nuovo ordine mondiale”“covid-19” da parte dei teorici del complotto è del tutto forzato.

Le fonti

Riprendiamo il frame che ci segnalano i nostri lettori:

Con una freccia abbiamo fatto focus su The Ingraham Angle. Il servizio sarebbe andato in onda sull’emittente Fox News che, appunto, tra i vari format ospita la rubrica The Ingraham Angle che prende il nome dalla sua conduttrice Laura Ingraham che molto spesso si rende oggetto di verifica da parte dei fact checker internazionali.

Laura Ingraham, infatti, è una dei tanti portavoce delle teorie del complotto sul Covid-19 e in occasione dell’assalto a Capitol Hill ha accusato il movimento Anti-Fa. Tuttavia, di questo frame non esiste traccia in nessuna delle clip di The Ingraham Angle presenti sul sito ufficiale di Fox News, dunque l’immagine che ci segnalano potrebbe essere un fotoritocco.

Nessun riscontro nemmeno tra i video pubblicati dalla stessa Ingraham sulla sua pagina Facebook. I video postati sui social dalla conduttrice sono comunque dei brevi estratti, ma se vogliamo visionare gli episodi integrali del suo show dobbiamo essere abbonati. Non escludiamo che il titolo “Biden admits to using Covid to establish economic new world order” possa essere stato usato durante un Ingraham Angle, ma non possiamo confermare.

Quindi?

A prescindere dall’esistenza o meno di tale servizio, gli utenti avvezzi a teorie del complotto hanno creduto all’accostamento tra Biden e il Nuovo Ordine Mondiale in relazione con la pandemia. Sarebbe bastato, piuttosto, leggere la trascrizione integrale dell’intervento durante la Business Roundtable per comprendere che il Covid e il Nuovo Ordine Mondiale sono stati menzionati in due contesti diversi e, specie nel secondo caso, con un significato totalmente diverso da ciò che è stato inteso dai teorici del complotto.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Il seguente articolo fa parte del progetto di FACT-CHECKING di Bufale e segue tutte le regole del fact-checking e della metodologia qui indicata. Per eventuali reclami potete contattarci al seguente indirizzo.

Latest News