Inspiegabile crociata di Radio Maria anti Greta Thunberg: “Confondiamo generi e vuoi salvare la specie”

di Redazione Bufale |

Sta sollevando pesanti polemiche un post pubblicato da Radio Maria contro Greta Thunberg, la ragazzina di 16 anni che sta provando a sensibilizzare il mondo sui rischi che la nostra specie corre dal punto di vista dell’impatto ambientale. Chi ci segue assiduamente sa bene che già in passato la pagina ufficiale della nota radio aveva regalato una perla in merito alle mamme della nostra epoca (poi rimossa), con tanto di vignetta che trattammo praticamente in tempo reale. Oggi 28 settembre, però, occorre analizzare un altro post decisamente particolare.

Cosa dice Radio Maria a Greta Thunberg?

Risale a poche ore fa, infatti, un’immagine pubblicata da Radio Maria all’interno della propria pagina Facebook ufficiale, in cui si lancia un chiaro messaggio a Greta Thunberg, a quanto pare rea di aver sposato la causa sbagliata. Basta accedere alla pagina appena riportata per farsi un’idea ben precisa: lo scatto ed il testo sono autentici:

Cara Greta,

dopo che abbiamo buttato Dio nella pattumiera, vogliamo salvare il pianeta? Dopo che lasciamo sopprimere i feti umani, vogliamo proteggere i cuccioli animali? Dopo che confondiamo i generi, vogliamo salvare la specie? Dopo che aiutiamo gli uomini a morire, vogliamo far crescere le foreste? Volto indignato il tuo, o forse manipolato? Giovani, non lasciatevi ingannare”.

Il discorso che si potrebbe fare sul post di Radio Maria, è lo stesso di sempre quando si affronta il tema Greta Thunberg. Per quanto non si possa voler sposare una causa specifica, qual è il senso di un affondo simile? Tra l’altro da una fonte che dovrebbe avere principi solidi a prescindere dalle “priorità” riportate.

Radio Maria condivide Il Giornale, con tesi anti Greta Thunberg

Quasi a voler rafforzare il concetto, poi, stamane è arrivata la condivisione da parte di Radio Maria riguardante un articolo pubblicato da Il Giornale, testata fortemente schierata politicamente. Inutile dire che anche con questo post l’affondo a Greta Thunberg sia stato netto. Staremo a vedere se questa linea pagherà almeno dal punto di vista social per Radio Maria.

Edit del 30 settembre: Radio Maria ha rimosso il post poche ore fa.
Avevamo sbagliato una parte della trascrizione (non cambiava molto “crescere/salvare”), ma la potete trovate nello screen in alto. Inoltre l’archiviazione del post è stranamente fallita, abbiamo quindi rimosso il link. Potete trovare traccia del post in varie testate e screen :).

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News