In 6 giorni cambia tutto per Daniela Donno del M5S: autentica retromarcia sul governo Draghi

di Redazione Bufale |

Daniela Donno
In 6 giorni cambia tutto per Daniela Donno del M5S: autentica retromarcia sul governo Draghi Bufale.net

Un caso singolare quello di Daniela Donno del Movimento 5 Stelle a proposito del governo Draghi. La politica italiana è costituita di grandi contraddizioni ed incoerenze, ciò è testimoniato ancor di più dall’ultima crisi di governo che ha sancito l’uscita di scena di Conte e l’entrata in gioco di Mario Draghi.

Un governo tecnico che sembrava inizialmente non essere appoggiato da diverse forze politiche, anzi era esattamente così, ma poi come sempre accade nella politica italiana, ecco subentrare il repentino cambio di pensiero, come accaduto ad alcuni esponenti del Movimento 5 Stelle, ma non solo. Emblematico è il caso della senatrice Daniela Donno che, solo lo scorso 3 febbraio, aveva annunciato con fermezza sul proprio profilo Facebook di non votare assolutamente il governo tecnico di Draghi.

Il cambio di rotta di Daniela Donno sul governo Draghi

Se da un lato non mancano episodi strani, come la strana frecciata di Giorgia Meloni descritta in queste ore, allo stesso tempo ci sono altre posizioni da analizzare.  Appena però qualche ora fa, ecco che sempre sul suo profilo Facebook, è spuntata la frase in cui parla del suo voto che sarà senza dubbio a favore del nuovo governo Draghi. In molti avranno pensato inizialmente ad una sorta di fake news, ad un fotomontaggio creato ad hoc per creare ancor più confusione, ma non è assolutamente così.

Vero che Daniela Donno abbia espresso la sua volontà di votare sì al governo Draghi e ciò a soli nove giorni dal suo pensiero totalmente opposto espresso sempre su Facebook. La notizia è quindi chiaramente reale, non si tratta di alcun fotomontaggio, la senatrice Donno prima ha evidenziato il suo dissenso nei confronti di un governo tecnico con a capo Mario Draghi, per poi cambiare repentinamente pensiero a poche ore dalle votazioni, esprimendosi in maniera favorevole.

D’altronde queste contraddizioni sono emerse sin da subito all’interno del partito del Movimento 5 Stelle, in cui inizialmente si era parlato di un appoggio solo per un governo politico, ma poi tutti hanno iniziato a cambiare idea quando Grillo e Di Maio hanno lasciato dichiarazioni pro-Draghi. Quanto accaduto con la senatrice Daniela Donno sul governo Draghi non rappresenta nulla di nuovo nell’ambito della nostra politica nazionale e, per questa ragione, non è meritevole di gogna mediatica.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News