Il “rapporto urgente in UK” che piace ai NoVax non esiste: ancora confusione sul VAERS

di Bufale.net Team |

DISINFORMAZIONE rapporto urgente in uk
Il “rapporto urgente in UK” che piace ai NoVax non esiste: ancora confusione sul VAERS Bufale.net

Si fa molto presto a parlare di “rapporto urgente”, stimolando la valvola paranoica dei lettori con quella parola, urgente, che fa pensare ad uno stato di pericolo. Il “rapporto urgente in UK” di cui si parla in un video che i nostri lettori ci segnalano dimostrerebbe la tossicità della vaccinazione anti Covid, dunque ne decreterebbe l’immediata cessazione. La fonte consultata è il VAERS, e questo fa di questo video un disperato tentativo di disinformazione. Come già dimostrato: quando no-vax e complottisti non hanno alcun riferimento per dimostrare le loro teorie (sempre, ma è un’altra storia), si appellano a fonti inesistenti. Quando queste sono esistenti, invece, si tratta per lo più di riferimenti molto labili e tutt’altro che autorevoli, riproposte sui social come dimostrazioni assolute di verità con toni oltremodo scandalistici.

“Rapporto urgente in UK chiede la completa cessazione dei vaccini Covid negli umani perché tossici”.

È vero che nel Regno Unito si sta vivendo una situazione non facile, ma ciò è dovuto alla variante Delta del virus, non ai vaccini.

Pearson Sharp, chi è?

Il signore sorridente che accompagna il testo è Pearson Sharp, a noi certamente ignoto ma ben conosciuto nel mondo internazionale. Si tratta di un giornalista della rete One America News Network (OAN), un’emittente pro-Trump dalla linea fortemente cospirazionista e vicina all’ultra-destra, che negli anni ha talmente infettato il mondo dell’informazione da ottenere la demonetizzazione da parte di YouTube, specie per aver più volte proposto una falsa cura contro il Covid-19.

Pearson Sharp, in particolare, si era dichiarato a favore dell’eliminazione fisica dei “traditori di Donald Trump” dopo la vittoria di Joe Biden, appoggiando la teoria complottista della frode elettorale. Non c’è da stupirsi, dunque, del fatto che Sharp e OAN siano una fonte autorevole per i no-vax e i complottisti italiani.

Il VAERS non è una fonte

Ancora una volta ci troviamo a fare chiarezza sul VAERS. Il nostro archivio ci è testimone: in troppe occasioni i no-vax sono inciampati sulle loro stesse bugie riproponendo le segnalazioni presenti sul VAERS come studi autorevoli, dimostrati e conclusi.

Ricominciamo: VAERS (Vaccine Adverse Event Reporting System) è sì uno strumento governativo, è sì co-gestito dal Centers Of Disease Control and Prevention (CDC) e dalla Food and Drug Administraton (FDA), ma non è un servizio di risposta. Lo dichiara lo stesso staff nel disclaimer del sito istituzionale:

VAERS è un sistema di segnalazione passiva, il che significa che si affida agli utenti per inviare rapporti delle loro esperienze a CDC e FDA. VAERS non è progettato per determinare se un vaccino abbia causato un problema di salute, ma è particolarmente utile per rilevare modelli insoliti o imprevisti tramite segnalazione di eventi avversi che potrebbero indicare un possibile problema di sicurezza con un vaccino. In questo modo, VAERS può fornire a CDC e FDA informazioni preziose sulla necessità di ulteriore lavoro e valutazione per considerare ulteriormente un possibile problema di sicurezza.

In poche parole VAERS è una rivista predatoria, ovvero uno strumento in cui viene pubblicato qualsiasi testo senza una verifica né un’analisi da parte degli esperti. Per questo le pubblicazioni predatorie sono spesso il piatto forte di no-vax e complottisti, che spacciano i contenuti per studi accreditati, cosa che invece non sono.

Nei precedenti articoli facevamo l’esempio del dottor Matan Shalomi, che per dimostrare l’essenza delle riviste predatorie aveva inventato uno studio condotto da un team di personaggi di fantasia, dal dottor Elm a Doctor House.

Tanta disinformazione, un solo video

Quel che vediamo nel video sul “rapporto urgente in UK” è dunque un susseguirsi di disinformazione. I fact checkers internazionali hanno già analizzato video simili in più occasioni. L’oggetto della nostra analisi di oggi, ad esempio, parla di almeno 650 donne che avrebbero abortito dopo il vaccino, e sulla correlazione tra vaccino anti Covid e aborto spontaneo si è già pronunciata la comunità scientifica definendo impossibile tale affermazione.

La teoria dell’aborto spontaneo come conseguenza del vaccino è ampiamente condivisa per via della convinzione, da parte dei no-vax, che il vaccino anti Covid sia uno strumento ideato dai poteri forti per arrivare allo spopolamento“Sono tutti dati del governo”, insiste Pearson Sharp nel video, ma ripetiamo che VAERS non dà risposte: si limita a raccogliere le segnalazioni come accade in tutte le pubblicazioni predatorie. Il “rapporto urgente in UK” non esiste, è solo una raccolta di segnalazioni non verificate.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News