Il giallo su Matteo Salvini e la foto con dedica a Pacciani: “Viva i nostri anziani”. Cosa sappiamo

di Redazione Bufale |

Salvini
Il giallo su Matteo Salvini e la foto con dedica a Pacciani: “Viva i nostri anziani”. Cosa sappiamo Bufale.net

Pare essere tornata in queste ore la storia di Matteo Salvini che avrebbe pubblicato sui suoi canali social la foto di Pacciani, scelto come icona degli anziani da sostenere sempre e comunque. Apparentemente un epic fail clamoroso da parte del leader della Lega, sul quale però abbiamo sollevato moltissime perplessità già l’anno scorso con un altro articolo. Sì, perché non è la prima volta che gira lo screen che potete esaminare tramite la foto in allegato al nostro pezzo odierno, con tutti i dubbi del caso.

I retroscena del presunto post di Salvini con foto di Pacciani

Ci avete chiesto approfondimenti in merito già nel 2019 ed in quel caso fummo portati a parlare di bufala. Ci sono degli aspetti importanti da chiarire sulla presunta foto di Pacciani pubblicata da Salvini, un po’ come avvenuto a suo tempo. I controlli di allora, come oggi, non hanno sortito effetti e confermarvi l’errore da parte dello staff del leghista è impossibile, oltre che non corretto. Certo, potrebbe trattarsi di una pubblicazione avvenuta diversi anni fa, per pochi secondi prima di un’eventuale rimozione, come sostenuto da alcuni, ma con Facebook è impossibile andare a ritroso in questo senso.

Rispetto a Twitter, infatti, il social network di Zuckerberg offre minori margini di movimento. In sostanza, siamo propensi a parlare di “bufala” a proposito di Salvini e della pubblicazione di un post con la foto di Pacciani, pur rispettando coloro che lasciano aperta la questione coi dubbi del caso. Prove inconfutabili sul fatto che il lancio non sia mai avvenuto non possiamo fornirvele, se non un forte indirizzo verso la fake news.

Ad esempio, se il team di Salvini avesse commesso un errore del genere, probabilmente ci sarebbe stato anche un messaggio di scuse dopo la rimozione della foto con Pacciani. Fate dunque attenzione a non cascare in quella che ha l’aria di essere una bufala, pur con una piccolissima percentuale di dubbio.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News