Il caso di Nuoro: “Infermiera accusa malore contro il vaccino”, analisi in corso ma non per i titolisti

di Bufale.net Team |

analisi in corso infermiera accusa malore dopo il vaccino mask
Il caso di Nuoro: “Infermiera accusa malore contro il vaccino”, analisi in corso ma non per i titolisti Bufale.net

“Infermiera accusa malora contro il vaccino”, questo il titolo comparso su Sardegna Live ieri, 16 febbraio, per riportare un caso avvenuto a Nuoro. Un’infermiera di 58 anni, impiegata presso l’AIAS di Belvì, ha ricevuto il vaccino Pfizer venerdì 12 febbraio alle 12:30 per poi accusare i primi sintomi di un malore nel pomeriggio di sabato 13 febbraio. Leggiamo insieme cosa riportano le fonti.

Vi riportiamo l’incipit:

Ha ricevuto la prima dose del vaccino Pfitzer venerdì alle 12.30, ma le prime avvisaglie di un malore sono arrivate sabato pomeriggio: formicolio in tutto il corpo, respirazione faticosa e conseguente desaturazione, nausea e vomito. La donna, un’infermiera di 58 anni dell’Aias di Belvì, è stata così portata alla guardia medica in servizio ad Aritzo, dove è stata sottoposta a un trattamento di emergenza con adrenalina e cortisone. Alla fine del trattamento, il medico ha chiamato il 118 per il trasporto in ospedale a Nuoro.

Subito dopo leggiamo:

Sono ancora in corso le analisi per capire se la causa del malore sia direttamente riconducibile al vaccino. Secondo quanto si apprende, la donna non avrebbe allergie o patologie evidenti.

Il pezzo continua con il racconto del marito dell’infermiera. L’uomo riporta l’odissea della corsa all’Ospedale di Nuoro – tra la zona di Aritzo/Belvì e il San Francesco di Nuoro la distanza è pari a 80 chilometri – presso il quale la coppia ha notato la carenza di personale (“un solo medico, un infermiere, due OSS e una fila di pazienti). Sulla donna sono stati eseguiti dei prelievi e in seguito è stata dimessa alle prime ore del mattino. All’infermiera sono stati indicati 3 accertamenti: una visita cardiologica, una risonanza magnetica e una visita neurologica.

CagliariPad ha riportato la notizia tale e quale a Sardegna Live. Troviamo riscontro sull’Unione Sarda che parla di shock anafilattico di cui non si conosce, per il momento, l’origine. Gli accertamenti sono dunque ancora in corso e l’infermiera si sta impegnando per sottoporsi agli esami. Lo spiacevole episodio si colloca anche in un contesto di disagio territoriale, come segnalato dal marito: Belvì è troppo distante dall’ospedale più vicino:

Ora io dico: noi siamo lontano da tutto ma abbiamo la possibilità economica e i mezzi per sottoporci a lunghi viaggi. Ma chi non può farlo? E c’è un altro problema: mia moglie sarebbe potuta essere tenuta in osservazione in ospedale visto che costituisce un precedente per la campagna di vaccinazione in corso e sarebbe servito studiare il suo caso. Purtroppo, questo non è stato. Mia moglie non sta ancora bene – conclude il marito – ma dopo la nostra esperienza è meglio stare in un luogo vicino al Pronto Soccorso.

In un periodo storico come questo è d’uopo fare titoli più chiari: scrivere “infermiera accusa malore dopo il vaccino” racconta solo una parte della verità dal momento che gli accertamenti sulla correlazione sono ancora in corso.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News