Non si mette bene per la maestra negazionista di Treviso

di Redazione Bufale |

Maestra negazionista
Non si mette bene per la maestra negazionista di Treviso Bufale.net

Libero arbitrio garantito alla maestra negazionista di Treviso, ma il fatto che le sue idee su Covid, vaccini e complotti vari siano arrivati in una classe scolastica per bambini sta facendo molto rumore e la cosa non finirà qui. Dalle proteste dei genitori si è arrivati ben presto ad un livello molto più complesso e grave rispetto a quello che abbiamo esaminato pochi giorni fa con la trasformazione di Margaret Keenan in attrice (in realtà deceduta diversi anni fa). Dunque, un caso che si trascinerà a lungo.

Nuovi risvolti per il caso della maestra negazionista di Treviso

Come riporta anche Yahoo, infatti, in campo è sceso addirittura il sindaco di Treviso, tramite il quale si è arrivati ben presto ad un provvedimento disciplinare per la maestra negazionista in Veneto. Le parole del Primo Cittadino, Conte, aiutano a contestualizzare meglio la situazione e la presa di posizione del Comune dopo il caso che ha fatto rapidamente il giro del web oggi 15 dicembre in tutta Italia:

“Ho risposto alle sollecitazioni di alcuni genitori. Sono intervenuto personalmente, abbiamo fatto arrivare una pattuglia della polizia e questa insegnante è stata identificata. Con lei c’è stato un colloquio sulla base delle testimonianze dei colleghi e genitori. Dopo aver esaminato anche i suoi profili social, l’abbiamo segnalata alla Prefettura perché gli sforzi che stiamo facendo per tutelare la nostra comunità, soprattutto i bambini, sono enormi e pensare che si possa buttare via tutto con delle politiche negazioniste non è assolutamente tollerabile”.

Dunque, la maestra negazionista di Treviso è finita sotto la lente anche per alcuni contenuti pubblicati sui social, a testimonianza del fatto che, chi ricopre determinati ruoli in un momento storico così particolare come questo, deve fare molta attenzione a quello che viene pubblicato in questi ambienti. Al momento è impossibile prevedere quali saranno gli scenari a breve termine dopo che la notizia è saltata fuori, ma la sospensione appare inevitabile.

Di sicuro, l’approccio chiaro e diretto da parte del Comune nei confronti della maestra negazionista di Treviso avrà degli strascichi e costituirà a tutti gli effetti un precedente in ambito scolastico che tutti i docenti, per forza di cose, dovranno prendere in esame nel corso della pandemia da Covid.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News