Home / Disinformazione / Sostituiscono l’incenso in chiesa con la marijuana, prete e fedeli finiscono in ospedale in stato confusionale

Sostituiscono l’incenso in chiesa con la marijuana, prete e fedeli finiscono in ospedale in stato confusionale

Ilarità e doppi sensi scatenati dalla notizia hanno creato viralità, considerando che i titoli di diversi siti d’informazione hanno parlato di marijuana al posto dell’incenso in una chiesa di Chieti.

Ci segnalano, a tal proposito, un articolo pubblicato da AbruzzoLive. Durante una messa che si stava celebrando in una chiesa di Chieti, alcuni fedeli insieme al sacerdote sono stati portati all’ospedale a seguito di un’intossicazione dovuta all’incenso. Secondo le notizie, comparse anche su SputnikTPI NewsIl Giornale, qualcuno aveva sostituito il tradizionale incenso con della marijuana, le cui esalazioni hanno riempito subito la chiesa di fumo intossicando, così, i presenti.

Le persone erano in stato confusionale, e dagli esami è emerso che si trattava di intossicazione da cannabinoide sintetico JWH 122. Secondo le prime indagini, lo “scherzo” sarebbe stato opera di alcuni ragazzi. Un primo dubbio arriva da un commento proprio all’articolo di AbruzzoLive, dove un utente scrive: «Nel titolo si parla di marijuana. Poi in realtà si specifica che è un cannabinoide sintetico… Col 122 infatti si produce il “mystic jungle incence” ma che con la comune “erba” non ha niente a che vedere».

La differenza sostanziale tra marijuanaJWH 122 sta, prima di tutto, nel gruppo di appartenenza: la prima contiene il tetraidrocannabinolo (THC) che fa parte dei fitocannabinoidi (cannabinoidi naturali), una famiglia di composti chimici presenti nella Cannabis Sativa. Il JWH 122, invece, fa parte dei cannabinoidi sintetici creati in laboratorio a scopo terapeutico. Il cannabinoide sintetico che avrebbe intossicato i presenti durante la funzione non era marijuana e l’utilizzo come tale non è sicuro per la salute. Dunque, non poteva essere la comune “erba”, considerando che i presenti si sono sentiti male.

Parliamo di disinformazione, quindi, perché liquidare l’episodio con la parola “marijuana” solo perché si parla di cannabinoidi non è corretto, visto che si parla di intossicazione e si fa riferimento, nel testo degli articoli segnalati, al JWH 122, che non equivale alla marijuana.

Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi sostenerci su Patreon o su PayPal, va bene anche una donazione minima come il costo di una grappa!

About Luca Mastinu

Nasce a Torino nel 1983, Scrittore, misantropo, ipocondriaco, acluofobo e pignolo. Admin della pagina Facebook "Diario di un ipocondriaco" e caporedattore per Bufale.net. Autore di due romanzi, vive nella propria stanza per tenersi lontano dai batteri. Ama la musica e suona il basso. Odia e soffre in Sardegna, muore e risorge a Roma.