Home / acchiappautenti / Sorteggio di un camper, commenta con la tua destinazione preferita

Sorteggio di un camper, commenta con la tua destinazione preferita

Quando non promettono di regalare iPhone, SUV, televisori, case, antani, sbiriguda e qualcosa come vicesindaco, i mendicanti del web più scanzonati e ripetitivi mettono in palio un camper.

Ricordate la nostra guida utile sulle pagine dell’amen, dell’ok e del colore? No? Cliccate qui e leggete, perché potremmo aggiungere che esistono anche le “pagine della destinazione”, con tanti piccoli pesci che abboccano ignari di aver preso una gargantuesca cantonata.

Ciò che certi amministratori fanno, in sostanza, è creare pagine ad hoc sulle quali attirare il maggior numero di interazioni con il pubblico. In che modo? Creano un post nel quale promettono una vincita importante a chiunque si iscriverà alla pagina, commenterà e condividerà il post. In questo modo la fanbase aumenta vorticosamente e la pagina può diventare appetibile per potenziali acquirenti interessati a entrare in possesso di una pagina che superi i 20.000 follower.

Non esiste alcun camper messo in palio per i commentatori compulsivi. Non esiste traccia su fonti ufficiali, e conveniamo sul fatto che una tale iniziativa avrebbe avuto una certa risonanza. La storia è vecchia, vecchissima, e gli amministratori vi guardano sadici mentre commentate disperatamente nella speranza di vincere. Di voi resterà il nome e cognome, degli admin nemmeno l’ombra, perché spariranno dopo aver giocato con la vostra buona fede e la vostra dignità. Capitelo e accettatelo: nessuno regala camper da una semplice interazione su Facebook.

Nemmeno se scrivete che volete regalare un camper ai bisognosi. Lodevole, senza dubbio, ma anche voi ci siete cascati.

Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi sostenerci su Patreon o su PayPal, va bene anche una donazione minima come il costo di una grappa!

About Luca Mastinu

Nasce a Torino nel 1983, Scrittore, misantropo, ipocondriaco, acluofobo e pignolo. Admin della pagina Facebook "Diario di un ipocondriaco" e caporedattore per Bufale.net. Autore di due romanzi, vive nella propria stanza per tenersi lontano dai batteri. Ama la musica e suona il basso. Odia e soffre in Sardegna, muore e risorge a Roma.