Home / Allarmismo / Si sta registrando, in questi ultimi giorni, la recrudescenza di un fenomeno fraudolento noto con il nome di “Wangiri”, letteralmente “uno squillo”

Si sta registrando, in questi ultimi giorni, la recrudescenza di un fenomeno fraudolento noto con il nome di “Wangiri”, letteralmente “uno squillo”

Ve lo diciamo noi: se ricevete uno squillo da un numero che non conoscete, magari con prefisso estero, dovete semplicemente non richiamare.

Si sta registrando, in questi ultimi giorni, la recrudescenza di un fenomeno fraudolento noto con il nome di “Wangiri”, letteralmente “uno squillo”. È importante sapere che si tratta di uno schema di frode finalizzato alla monetizzazione del traffico fonia svolto dai clienti che, dopo la ricezione di telefonate “mute” o solo squilli, ricontattano incuriositi il chiamante. Non richiamare Con questa tecnica fraudolenta, nel malaugurato caso si richiamasse il numero proveniente dall’estero o sconosciuto, si viene subito indirizzati ad una linea a pagamento. Security ha già messo in campo azioni di verifica ed iniziative mirate a bloccare il traffico uscente verso gli archi di numerazione coinvolti, in modo da arginare l’evento. Essendo, tuttavia, sempre possibile che vengano attivate nuove iniziative fraudolente utilizzando altre numerazioni internazionali/satellitari quali, ad esempio, +882, +678, vale per ciascuno l’invito a porre la massima cautela in caso di ricezione di chiamate mute o squilli provenienti da numeri sconosciuti ed evitare di richiamarli, in modo tale da non incorrere in addebiti non voluti.

“Wangiri” è una truffa telefonica operata da imbroglioni che generano squilli automatici nella consapevolezza che alcuni utenti di telefonia mobile richiameranno. In questo modo si vedrà il proprio credito scalare vorticosamente e gli stessi operatori telefonici – Vodafone tra questi – mettono in guardia i clienti per illustrare loro in che modo difendersi, ma la prima regola è quella di non richiamare numeri che non si conoscono, se si vogliono evitare spiacevoli sorprese.

La truffa non è nuova al mondo della telefonia, perché questo genere di raggiro esiste almeno dal 2002 e gli operatori consigliano di contattare il proprio operatore, procedere con una denuncia e solo in questo modo sarà possibile ottenere il riaccredito della cifra sottratta dai truffatori.

Per evitare tutto questo è sufficiente, prima di ogni altra cosa, non richiamare numeri di cui non si conosce la provenienza, e soprattutto evitare catene di messaggi che creano allarmismo.

Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi sostenerci su Patreon o su PayPal, va bene anche una donazione minima come il costo di una grappa!

About Luca Mastinu

Nasce a Torino nel 1983, Scrittore, misantropo, ipocondriaco, acluofobo e pignolo. Admin della pagina Facebook "Diario di un ipocondriaco" e caporedattore per Bufale.net. Autore di due romanzi, vive nella propria stanza per tenersi lontano dai batteri. Ama la musica e suona il basso. Odia e soffre in Sardegna, muore e risorge a Roma.