Home / Bufala / Ritorna l’invito WhatsApp “Vinci un buono Conad da 250 euro”: sconto bufala di gennaio 2019
Buono Conad
Buono Conad

Ritorna l’invito WhatsApp “Vinci un buono Conad da 250 euro”: sconto bufala di gennaio 2019

Ci segnalano i nostri utenti il ritorno di un messaggio WhatsApp con cui al pubblico viene esplicitamente annunciato “vinci un buono Conad da 250 euro“, in nome di uno sconto che sulla carta dovrebbe essere sfruttato in qualunque punto vendita fissato sul territorio, a patto che si proceda con la selezione del link associato al testo in questione. I nostri seguaci probabilmente sanno già che si tratti non solo di una bufala, ma anche di una tentata truffa che mira a raccogliere i vostri dati e a girarli a soggetti terzi. Del resto ve ne abbiamo parlato anche a fine settembre dopo aver ricevuto il medesimo messaggio.

Un ripasso non fa mai male, soprattutto a coloro che sono meno esperti di queste pratiche meschine e che, allettati dalla proposta, potrebbero finire non solo con l’accedere a pagine pericolose per la nostra sicurezza, ma anche per cadere totalmente nel tranello. Qualora doveste ricevere un messaggio con scritto “Vinci un buono Conad da 250 euro”, sappiate che vi state trovando nel bel mezzo di una bufala in grado di generare effetti molto spiacevoli.

Buono Conad
Buono Conad

Rispondendo a questionari collocati in apposite pagine di atterraggio che non hanno nulla a che vedere, non otterrete certo uno sconto o un buono Conad, ma solo la tentazione di fornire i vostri dati personali a malintenzionati. In alcuni casi persino quelli riguardanti la propria carta di credito. Come minimo rischierete di installare un malware in grado di compromettere la sicurezza di smartphone e PC, magari arricchendo soggetti terzi tramite annunci pubblicitari coi quali verrete bombardati.

Basta recarsi sulla pagina Facebook ufficiale dell’azienda per constatare che non esiste alcun buono Conad da 250 euro conquistabile tramite catena WhatsApp e che uno sconto certo non si ottiene seguendo questa strada. Nel frattempo abbiamo già avvisato il rivenditore, che presto dovrebbe pubblicare una nota ufficiale in merito.

Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi sostenerci su Patreon o su PayPal, va bene anche una donazione minima come il costo di una grappa!

About Redazione

Redazione
Bufale.net è il primo servizio fact checking per i liberi cittadini creato dai denbuker Claudio Michelizza e Fabio Milella. Opera su segnalazione e dopo un'opera di debunking comunica i propri esiti tramite articoli mirati con TAG specifici: BUFALA - DISINFORMAZIONE - NOTIZIA VERA - PRECISAZIONI - ANALISI IN CORSO. Il team è composto da debunker professionisti e neutrali. In ogni articolo non vengono usate opinioni personali o credi religiosi - politici - calcistici. Siamo attivi dal 2014 e speriamo che la rete un giorno non abbia bisogno di noi.