Home / Analisi in corso / Richiedente asilo pesta donna, bambino e anziano: è il primo arrestato nel 2019

Richiedente asilo pesta donna, bambino e anziano: è il primo arrestato nel 2019

Una notizia pubblicata sul sito CronacaPiù riporta una vicenda accaduta nella notte a cavallo tra il 31 dicembre e l’1 gennaio a Diano Marina, dove un richiedente asilo avrebbe aggredito alcuni passanti senza motivo, tra cui una donna, un bambino e un pensionato.

L’episodio

CronacaPiù riporta che l’aggressore è stato poi raggiunto dai Carabinieri, che però hanno avuto non poche difficoltà a fermarlo, tant’è che due militari hanno riscontrato lesioni. Al processo per direttissima il giudice ha concetto il patteggiamento a 8 mesi di reclusione, pena poi sospesa. L’aggressore, quindi, sarebbe tornato libero, e il ragazzo, un 24enne, ha affermato che non ricordava nulla di quella notte in quanto si trovava sotto i fumi dell’alcol.

Il primo articolo, pubblicato da Imperia Post il 2 gennaio alle 7:23 riporta che il 24enne, un macedone, aveva aggredito alcuni passanti lungo la passeggiata a mare a pochi passi dal Molo delle Tartarughe, con calci e pugni e sotto la sua violenza erano passati anche anziani e bambini. All’arrivo dei militari e del personale sanitario, l’aggressore in forte alterazione alcolica – attenzione: Imperia Post in merito all’alterazione alcolica usa la parola “probabilmente” – ha colpito anche i Carabinieri.

In un secondo articolo Imperia Post, alle 15:03 del 2 gennaio riporta notizie dal processo. Il macedone, difeso dall’avvocato Ramadan Tahiri, ha patteggiato 8 mesi di carcere col giudice Bosacchi, e la pena è stata sospesa. Il giovane ha spiegato al giudice che quella notte era ubriaco e che quindi non è in grado di ricordare cosa sia successo. Secondo le ricostruzioni, il 24enne ha aggredito una donna, un anziano e un bambino.

Liguria notizie riporta che non esistono ancora informazioni circa una sua eventuale espulsione dall’Italia o sulla revoca dello status di rifugiato. Riviera Press, tuttavia, riporta la notizia il 2 gennaio e scrive che il ragazzo molestava alcuni ragazzi all’interno di un locale – non parla di una donna, un anziano e un bambino – fino all’arrivo dei Carabinieri contro i quali l’aggressore si è scagliato, provocando una contusione alle costole a uno di essi.

La notizia pubblicata da CronacaPiù trova dunque riscontro nelle testate locali, ma non sono ancora chiare le dinamiche dell’accaduto né i dettagli del processo per direttissima; in almeno un caso non si fa riferimento a una donna, un anziano e un bambino, tutti colpiti dalla violenza del giovane macedone secondo le altre fonti. Parliamo di analisi in corso, dunque, nell’attesa di maggiori riscontri anche dalle testate nazionali.

La foto

L’immagine scelta da CronacaPiù non riguarda la notizia riportata. Si tratta di fotogrammi estratti da un filmato che, come riporta Sky News, mostra un padre frustare con una cinghia le sue due figlie, sorprese mentre si filmavano facendo il twerking. Secondo Sky News scrive, inoltre, che il filmato originale era stato caricato su Live Leak (lo abbiamo trovato, ma per la violenza del contenuto non intendiamo incorporarlo. Se volete vederlo andate su questo link) nel 2016. In ogni caso le foto non riguardano il caso riportato da CronacaPiù.

Nell’attesa di maggiori informazioni sul caso di Diano Marina vi rimandiamo ad un prossimo articolo.

Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi sostenerci su Patreon o su PayPal, va bene anche una donazione minima come il costo di una grappa!

About Luca Mastinu

Nasce a Torino nel 1983, Scrittore, misantropo, ipocondriaco, acluofobo e pignolo. Admin della pagina Facebook "Diario di un ipocondriaco" e caporedattore per Bufale.net. Autore di due romanzi, vive nella propria stanza per tenersi lontano dai batteri. Ama la musica e suona il basso. Odia e soffre in Sardegna, muore e risorge a Roma.