NOTIZIA VERA Orrore a Bari, anziana stuprata da giovane extracomunitario

Ci segnalano un articolo pubblicato il 30 luglio 2017 su Adnkronos:

Picchiata e violentata in casa da un 26enne, nigeriano, che l’aveva aiutata a portare la spesa. E’ accaduto a Gioia del Colle, in provincia di Bari ad un’anziana di 76 anni, scrive il quotidiano la ‘Gazzetta del Mezzogiorno’ aggiungendo che il 26enne è un migrante residente al Cara di Bari Palese ed è stato arrestato dai carabinieri.

La donna, dopo aver fatto la spesa nel vicino supermercato, ha accettato l’offerta d’aiuto del 26enne che era all’esterno a chiedere l’elemosina ai clienti. L’uomo ha portato le buste della spesa ma una volta in casa della 76enne l’avrebbe picchiata e violentata più volte. La donna, nonostante le ferite, è riuscita ad avvertire il figlio che ha chiamato i carabinieri e l’ambulanza. I militari hanno trovato il 26enne che, dopo l’aggressione, era tornato all’esterno del supermercato. La 76enne è ricoverata in gravi condizioni all’ospedale Miulli di Acquaviva.

Come riportato nel testo, la prima notizia è stata pubblicata su Gazzetta del MezzogiornoDopo l’aggressione, la signora è riuscita a chiedere l’aiuto dei figli e attualmente si ritrova presso il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale Miulli. Al momento dell’arrivo l’anziana si trovava in uno stato di choc. La presenza di persone che chiedono elemosina intorno al supermercato è ben nota alle forze dell’ordine che quotidianamente pattugliano la zona, per questo ai militari è stato subito possibile risalire all’identità dello stupratore grazie alla descrizione dettagliata fornita dalla vittima.

Il 26enne è stato fermato dai Carabinieri coordinati dal maresciallo Michele di Lorenzo. La magistratura gli ha contestato i reati violenza sessuale aggravatalesioni personali. Si attende la convalida del fermo da parte del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari, e nel mentre l’aggressore si trova presso la casa circondariale del capoluogo pugliese.

LEGGI ANCHE   NOTIZIA VERA Greenpeace HA danneggiato le linee di Nazca - bufale.net

Dopo l’aggressione, il nigeriano era tornato nei pressi del supermercato per chiedere l’elemosina (Il Giornale) ma pochi istanti dopo è stato fermato. La notizia trova riscontro anche sull’Ansa. L’identità della vittima e dello stupratore non sono note, ma quest’ultimo risulta ospita presso il Cara di Bari Palese (Il Fatto Quotidiano, Bari TodayTgCom24) e in precedenza risiedeva a Gioia del Colle, luogo della tragica vicenda.

La notizia, dunque, è vera. L’uomo si era offerto di portare le buste della spesa alla signora presso la sua abitazione. Una volta arrivati in casa, il nigeriano ha aggredito la donna per poi stuprarla. Gli stessi medici dell’ospedale Miulli hanno parlato di violenta aggressione.