Home / Notizia Vera / Misure estreme contro chi vuole spiare WhatsApp: cambierà tutto, non solo impronte digitali
Spiare WhatsApp
Spiare WhatsApp

Misure estreme contro chi vuole spiare WhatsApp: cambierà tutto, non solo impronte digitali

Spiare WhatsApp è una pratica sempre più fastidiosa nella nostra società. Che si tratti di uno scherzo tra amici o del rapporto di coppia, sempre più persone sono tentate nell’affacciarsi all’interno del nostro account per osservare cosa diciamo nelle nostre chat private o di gruppo. Semplice curiosità o insicurezza nei rapporti interpersonali, sono tantissimi i moventi che in qualche modo abbiamo analizzato già qualche giorno fa, nel momento in cui abbiamo parlato di un possibile aggiornamento con cui potremo accedere all’app attraverso il riconoscimento dell’impronta digitale.

Secondo quanto riportato da Android Pit, un sito diventato molto affidabile negli anni tra coloro che seguono da vicino le vicende del mondo smartphone, pare che per fronteggiare il fenomeno che vede un numero crescente di persone spiare WhatsApp altrui, il team abbia deciso di introdurre una funzione ulteriore che non lascerebbe scampo a tali soggetti. Ci riferiamo all’apertura della stessa applicazione tramite il riconoscimento facciale, tecnologia che potrebbe risultare più precisa rispetto a quella delle impronte digitali e che con gli smartphone di ultima generazione può essere scelta anche per il normale sblocco dello smartphone, in alternativa al codice.

Spiare WhatsApp
Spiare WhatsApp

Un doppio passo in avanti che conferma il profondo impegno degli sviluppatori contro chi vuole spiare WhatsApp, anche perché questi casi vengono segnalati con frequenza crescente in giro per il mondo ed il malessere delle “vittime” è palese. Per questo motivo, come confermato anche da WABetaInfo, la scelta del team è quella di fronteggiare con forza e decisione questo trend per evitare qualsiasi tipo di problema.

Impossibile prevedere la data di rilascio di questo aggiornamento cruciale, ma è chiaro che avremo segnali importanti sotto questo punto di vista durante il 2019, probabilmente già nella prima metà dell’anno. Continuate a seguirci per saperne di più sulle contromisure per chi ancora oggi continua a spiare WhatsApp altrui.

Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi sostenerci su Patreon o su PayPal, va bene anche una donazione minima come il costo di una grappa!

About Redazione

Redazione
Bufale.net è il primo servizio fact checking per i liberi cittadini creato dai denbuker Claudio Michelizza e Fabio Milella. Opera su segnalazione e dopo un'opera di debunking comunica i propri esiti tramite articoli mirati con TAG specifici: BUFALA - DISINFORMAZIONE - NOTIZIA VERA - PRECISAZIONI - ANALISI IN CORSO. Il team è composto da debunker professionisti e neutrali. In ogni articolo non vengono usate opinioni personali o credi religiosi - politici - calcistici. Siamo attivi dal 2014 e speriamo che la rete un giorno non abbia bisogno di noi.