CLICKBAIT E ALLARMISMO Mai andare a dormire con i capelli bagnati, guarda quello che può succedere!

0
1762

Ci segnalano un articolo pubblicato su FarloFacile (archive.is):

Se pensate che sia soltanto un mito vi sbagliate di grosso. Andare a dormire con i capelli bagnati può avere conseguenze spiacevoli sulla nostra salute.
In questo articolo vi faremo conoscere 7 problematiche che possono originare da questa vostra errata abitudine.
Capelli sfibrati
I capelli hanno una proprietà chiamata igroscopica, ovvero riescono a trattenere l’umidità. L’acqua entra ed aumenta il diametro del capello, provocando la rottura di alcune proteine. La conseguenza è che i vostri capelli si spezzeranno più facilmente e potranno comparire le tanto odiate doppie punte.
Prurito
L’umidità dei capelli bagnati può causare un lieve prurito alla base del cuoio capelluto.Forfora Andare a letto con i capelli umidi aumenta la probabilità che si formi forfora sul cuoio capelluto. Questa può causare prurito.
Funghi Quando appoggiamo la testa bagnata sul cuscino, nello spazio che si forma tra i capelli e la federa possono annidarsi germi, batteri e funghi che vivono nei nostri capelli, sulla nostra pelle, ma anche sul cuscino stesso. In questo modo i capelli umidi rappresentano un terreno fertile per lo sviluppo di fastidiose infezioni.
Freddo
L’umidità presente sui capelli bagnati causa un improvviso cambiamento di temperatura, quindi congestione e freddo.Dolore muscolare Questo sbalzo di temperatura non causa semplicemente freddo, ma può provocare anche crampi del corpo e nevralgie.

Forte mal di testa

Andare a letto con i capelli umidi può provocare mal di testa molto più forti che in qualsiasi altra condizione. Beh, cosa ne pensate? Vi siete convinti del fatto che andare a letto con i capelli ancora bagnati non sia proprio una buona idea? Asciugateli bene prima di andare a dormire, ne guadagnerete in salute.

Condividi l’articolo e fai conoscere a tutti le problematiche a cui puoi andare incontro se ti metti a letto con la testa bagnata!

Le immagini poste in evidenza sono differenti dalla foto che compare nell’anteprima social:
La foto utilizzata si può trovare in tanti siti di informazione medica, come My Personal Trainer nella scheda dedicata alla psoriasi. In particolar modo l’immagine interessa la psoriasi del cuoio capelluto, di cui vi riportiamo la definizione:

La psoriasi del cuoio capellutospesso confusa con la forfora o con la dermatite seborroica – si caratterizza per la presenza di chiazze che rimangono localizzate sullo scalpo, senza estendersi alle altre parti del corpo. Le placche si ispessiscono e si scrostano nel tempo.

Talvolta può interessare anche la fronte, la parte posteriore del collo e le orecchie.

La psoriasi del cuoio capelluto non è in alcun modo correlata alla caduta dei capelli ma, soprattutto nei soggetti più nervosi, è causa di un prurito intenso e fastidioso.

Più in generale, per psoriasi si intende:

Una malattia infiammatoria cronica della pelle, non infettivacontagiosa, solitamente di carattere cronico e recidivante. Nella sua patogenesi intervengono fattori autoimmunitari, genetici e ambientali.

Pur con ricerche approfondite non troviamo alcuna correlazione tra la psoriasi e l’andare a dormire con i capelli bagnati. Per tutto il resto, l’articolo si esprime con ovvietà che ben contrastano l’allarmismo del titolo clickbait e della copertina. In un articolo del Corriere leggiamo inoltre che, semplicemente, i capelli bagnati sono più fragili di quelli asciutti, questo perché i legami chimici di ogni ciocca vengono momentaneamente rotti dall’acqua.

Per le donne, inoltre, andare a letto coi capelli bagnati rientra nel rischio delle doppie punte. Semplicemente.