Home / Analisi in corso / Nessun pericolo per il Ponte Ostiense pericolante per whatsapp verso Vitinia a Roma, la bufala corre sul telefono

Nessun pericolo per il Ponte Ostiense pericolante per whatsapp verso Vitinia a Roma, la bufala corre sul telefono

Si parla moltissimo grazie ad una catena WhatsApp del cosiddetto “ponte ostiense” presente sull’A90, in condizioni davvero critiche oggi 8 novembre. Il messaggio in questione, infatti, ci mostra la struttura dal basso ed una situazione che, a prima vista, sembra essere effettivamente preoccupante, con una crepa presenta proprio a due passi da Roma. Ecco perché abbiamo cercato di andare più a fondo su questa vicenda, complici i fatti tragici della scorsa estate che impongono a tutti la massima prudenza, ma, al contempo, anche la necessità di non alimentare allarmismi.

Come accennato, il messaggio relativo al Ponte Ostiense pericolante ha preso piede con una vera e propria catena su WhatsApp, poco dopo pranzo, mentre altre tracce ci sono sono state su Facebook con post appositi. Qual è la verità? Abbiamo consultato tutte le fonti ufficiali dei Comuni potenzialmente interessati e, al momento, non abbiamo notizie ufficiali in merito, anche perché da quello che ci risulta questo tratto dell’A90, tra Roma e Ostia, risulta ancora aperto al traffico. La foto, comunque, sembrerebbe non taroccata.

Ponte Ostiense
Ponte Ostiense

Insomma, attenzione massima, come è giusto che sia in questi casi, ma allo stesso tempo occorre prestare attenzione esclusivamente alle fonti ufficiali prima di parlare di un reale pericolo legato al Ponte Ostiense verso Vitinia, in quanto lo stesso autore del post ammette di non avere riscontri certi sulla notizia giunto tramite smartphone con la catena WhatsApp di cui vi parlavamo in precedenza.

Il rischio in questi casi è quello di creare allarmismo e di sconfinare nel complotto, un po’ come avvenuto in estate nei giorni successivi al crollo del Ponte Morandi a Genova stando ad un nostro articolo apposito. Appena avremo ulteriori informazioni sullo stato di salute del Ponte Ostiense verso Vitinia non esiteremo ad aggiornare il nostro articolo dell’8 novembre.

AGGIORNAMENTO: Come promesso, interveniamo con un aggiornamento, particolarmente celere dato che ci è pervenuto in meno di 24, dimostrando come, siamo spiacenti di deludervi, ma le condizioni del Ponte Ostiense sono state grossolanamente esagerate (citazione colta) .

L’ANAS ha infatti diffuso una inequivocabile nota alla stampa

Il Ponte Ostiense si unisce quindi al corteggio di strutture sottoposte alle cursorie ed allarmistiche analisi del popolo della Rete, evoluzione 2.0 dell’onniscente esperto da Bar che, con la sola offerta di un boccale di birra, diventa CT della Nazionale, giurista, politico, economista, ingegnere e scienziato salvo poi, posato il boccale, tornare al suo stato di stupore alcolico.

Con l’aggravante che in questo caso le chiacchiere su Facebook fanno danni, diventando vero e proprio allarmismo che può causare danni di ogni tipo, maggiori di quelli falsamente rappresentati.

Al riguardo, non solo del Ponte Ostiense, ma di tutte le strutture simili, avevamo postato in tempi non sospetti un post sulla nostra pagina social, che vi invitiamo a leggere.

Geplaatst door Bufale op Woensdag 15 augustus 2018

Ricordandovi nel frattempo le parti essenziali del suo contenuto:

  1. È fisicamente impossibile giudicare lo stato di un ponte da una singola fotografia. A meno che non sia crollato, è impossibile per il profano capire quanto un danno al copriferro o all’intonaco possa significare, non senza un intervento tecnico
  2. Diviene pertanto necessario informare le autorità competenti: una foto su Facebook non ha alcun significato e si perde nella massa
  3. Siamo un ente di debunking, non le autorità competenti
  4. Quando il vostro “migliore amico” vi manda una foto, cercate almeno su Google la data della stessa

Ognuno riferisca senza timore alle autorità locali, non si affidi all’estemporaneo uso di Internet.

About La Redazione

La Redazione
Bufale.net è il primo servizio fact checking per i liberi cittadini creato dai denbuker Claudio Michelizza e Fabio Milella. Opera su segnalazione e dopo un'opera di debunking comunica i propri esiti tramite articoli mirati con TAG specifici: BUFALA - DISINFORMAZIONE - NOTIZIA VERA - PRECISAZIONI - ANALISI IN CORSO. Il team è composto da debunker professionisti e neutrali. In ogni articolo non vengono usate opinioni personali o credi religiosi - politici - calcistici. Siamo attivi dal 2014 e speriamo che la rete un giorno non abbia bisogno di noi.

Check Also

ANALISI IN CORSO La risposta dell’aggressore della Circumvesuviana

Il video virale della signora che risponde all’aggressione verbale razzista sulla Circumvesuviana di Napoli è …