Home / Analisi in corso / Ca.Ri.Ge. e il Salvabanche, tutto quello che sappiamo

Ca.Ri.Ge. e il Salvabanche, tutto quello che sappiamo

Cosa unisce l’oggettivismo Randiano al Salvabanche dell’attuale governo nei confronti di Ca.Ri.Ge.? La risposta è semplice, il fondamento stesso dell’oggettismo, il concetto che esista una realtà immanente che sfugge ai tentativi di ridefinirla mediante descrizioni contingenti.

Quindi, nel mondo dell’oggettivismo, per usare parole semplici e sfuggire così all’accusa (che già sentiamo nell’aria) di essere professoroni della kasta ke parlano difficile, secondo l’oggettivismo A=A.

Lo stesso fenomeno non potrà mai essere diverso: una sedia è sempre una sedia, il numero due è sempre il numero due.

Se mille volte con un pezzetto di creta creo mille sfere, ogni sfera sarà una sfera, e posso anche dare alle sfere mille nomi diversi ripetendo al mio uditorio di aver creato mille oggetti diversi, ma mille volte avrò asserito il falso, in quanto A=A.

Nella giornata di ieri ha scosso l’immaginario pubblico la notizia del salvataggio di Ca.Ri.Ge. a favore del Governo, descritto dai filogovernativi come una nazionalizzazione. Ma sarà così?

Con qualche aiuto del Sole24 Ore, lucido interprete della vicenda, vi forniremo una spiegazione plausibile

Ma il salvataggio di Ca.Ri.Ge. è una nazionalizzazione?

No. O meglio, la nazionalizzazione nel salvataggio di Ca.Ri.Ge. compare come clausola di fallimento.

Se ogni altro tentativo di salvare Ca.Ri.Ge., mediante un piano A basato su una ricapitalizzazione in opzione ai soci, nello stile di quella già bocciata dalla proprietà aziendale lo scorso 22 dicembre ma col supporto ecoonomico dello schema volontario del Fondo interbancario di garanzia, un piano B che, come ricordato dal Sole 24 Ore e confermato dai testi normativi, prevede che, in assenza di un ritorno sul mercato dei capitali, la banca possa comunque contare sulla fornitura di liquidità a lungo termine attraverso la garanzia di Stato sulle obbligazioni, decisa lunedì per decreto e chiesta martedì dalla banca, che Carige emetterà in futuro allora scatterà il piano C, l’ultima spiaggia, la carta della disperazione, la ricapitalizzazione da parte dello Stato (quindi, la nazionalizzazione), con tutte le conseguenze, ottimistiche o meno che questo comporta.

Ad esempio, il doversi interrogare sulle autorizzazioni da Bruxelles e capire quale genere di clientela sarebbe effettivamente salvato da una nazionalizzazione.

Ma a me il salvataggio di Ca.Ri.Ge. ricorda qualcosa…

Oggettivismo Randiano: A=A.

Se svegliando una mattina sento rumore di zoccoli, nitrito di equini e, avvicinandomi alla radura vicina, vedo sagome equine tra le foglie, posso ritenere che siano arrivati dei cavalli.

Oppure posso illudermi e raccontare a tutti che nel corso della notte uno svitato miliardario abbia raccolto un cargo di zebre dall’Africa Nera per portarle a pascolare nel giardino di casa mia per farmi un’esotica sorpresa.

In questo caso il Sole 24 Ore ci consiglia un modo eccellente per toglierci ogni dubbio

Per valutarne i contenuti c’è una via semplice. Basta leggereil testo del Dl 237/2016, quello approvato dall’allora neonato governo Gentiloni per i salvataggi di Mps, Pop Vicenza e Veneto Banca. Il nuovo decreto è identico in ogni dettaglio, dalle regole sulle garanzie dello Stato fino ai meccanismi, con burden sharing, per la nazionalizzazione.

E non solo siamo di fronte a quello che a tutti gli effetti somiglia ad un Salvabanche Bis, anzi è lo stesso decreto con qualche minimo dettaglio, ma scopriamo scavando più in fondo che

La ricapitalizzazione con la mano del Tesoro avverrebbe su richiesta di Genova, e potrebbe assorbire una fetta della quota inutilizzata del fondo da 20 miliardi creato dal decreto Gentiloni di fine 2016. Una mossa, questa, che inciderebbe sul debito pubblico. E sui nervi dei ministri a 5 Stelle.

La manovra si baserebbe, in caso di arrivo al piano C su fondi voluti e creati dal tanto viturperato Governo Gentiloni che, lungi dall’essere spacchettati ed usati per le manovre simbolo del Governo in carica, semplicemente serviranno ancora una volta, a salvare una banca.

Perché in questo caso, essendo identiche le premesse, identiche le modalità, identiche le finalità, identico addirittura il fondo usato, come A diventi miracolosamente B, C, D ed E distrugge il mero obiettivismo per arrivare al Bispensiero descritto da Orwell

Il Bispensiero: spiegazione possibile dell'affare Ca.Ri.Ge?
Il Bispensiero: spiegazione possibile dell’affare Ca.Ri.Ge?

Laddove nell’Airstrip One, immaginaria e futuribile Inghilterra distopica sognata George Orwell, al buon cittadino 2.0 si chiedeva sostanzialmente di avere in mente, in ogni momento due idee in contraddizione evidente tra loro, accettandole entrambe come vede quando ciò gli fosse richiesto.

Il Salvabanche è buono, il Salvabanche è cattivo.

Il Salvabanche aiuta una banca (MPS), quindi aiuta la kasta e offende i cittadini, bisogna scendere in piazza e ribellarsi.

Il Salvabanche aiuta una banca (Ca.Ri.Ge.), quindi aiuta i cittadini ed offende la kasta, bisogna lodare il Salvabanche.

Per i meno colti spieghieremo la cosa con l’episodio ormai arcinoto dei Simpsons in cui, in un futuro in cui Lisa è il Presidente degli Stati Uniti d’America e Bart il suo fratello disoccupato e svogliato, Milhouse propone al presidente di lanciare un incremento delle tasse, chiamando però temporaneo riaggiustamento del conguaglio fiscale perché l’uditorio ne sia favorevolmente impessionato… salvo poi vedere tutto franare quando è Bart stesso a far notare l’identità dei concetti

A, in questo momento, ha smesso di essere A.

E la battaglia politica non diventa più mera questione politica, ma addirittura questione filosofica.

Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi sostenerci su Patreon o su PayPal, va bene anche una donazione minima come il costo di una grappa!

About Redazione

Redazione
Bufale.net è il primo servizio fact checking per i liberi cittadini creato dai denbuker Claudio Michelizza e Fabio Milella. Opera su segnalazione e dopo un'opera di debunking comunica i propri esiti tramite articoli mirati con TAG specifici: BUFALA - DISINFORMAZIONE - NOTIZIA VERA - PRECISAZIONI - ANALISI IN CORSO. Il team è composto da debunker professionisti e neutrali. In ogni articolo non vengono usate opinioni personali o credi religiosi - politici - calcistici. Siamo attivi dal 2014 e speriamo che la rete un giorno non abbia bisogno di noi.