Fa nomi e cognomi Giletti puntando il dito su Lilli Gruber: le ragioni della sua uscita

di Redazione Bufale |

Giletti
Fa nomi e cognomi Giletti puntando il dito su Lilli Gruber: le ragioni della sua uscita Bufale.net

Massimo Giletti si è lasciato andare ad uno sfogo senza peli sulla lingua, anche nei confronti di Lilli Gruber, collega di LA7, nella trasmissione Cartabianca di Bianca Berlinguer. Il conduttore ha evidenziato lo stato complicato in cui vige da un anno, da quando si ritrova ad essere sotto scorta. Il presentatore di Non è l’Arena ha raccontato di ritrovarsi sotto scorta dopo le minacce ricevute dal boss mafioso Filippo Graviano.

Perché Giletti ha citato anche Lilli Gruber da Bianca Berlinguer

Non un periodo serenissimo per Giletti, come osservato pochi giorni fa a proposito delle dichiarazioni su Barbara D’Urso. Per lui il problema evidente in questo Paese è che chi si occupa di mafia, in ambito del giornalismo e non solo, deve poi ritrovarsi necessariamente a finire sotto scorta. Una situazione che dura ormai da anni e che non si riesce a cambiare, ma ciò che ha amareggiato maggiormente Massimo Giletti è l’essersi trovato in uno stato di assoluta solitudine.

Si attendeva qualche segnale di vicinanza da colleghi come Lilli Gruber, Giovanni Floris o Corrado Formigli, persone che credeva vicine e che invece nel momento del bisogno sono praticamente scomparse. Giletti sperava in un semplice messaggio, nulla di così eccezionale, ma gli unici colleghi che hanno mostrato sostegno nei suoi confronti sono stati Enrico Mentana e Myrta Merlino.

Ovviamente il presentatore di La7 fa riferimento a coloro che incontra praticamente quotidianamente nella rete in cui lavora. Nessuno deve però sentirsi obbligato, stando a quanto riportato sempre da Giletti durante l’intervista a Bianca Berlinguer, nel mandare un messaggio se non se la sente, giusto non essere ipocrita. Tale condizione però ha fatto capire a Giletti come sia un segnale forte della sua condizione di solitudine.

Uno stato di isolamento che, per il presentatore di Non è l’Arena, potrebbe non essere tale se ci fosse condivisione ed è ciò che al momento gli manca più di tutto. Uno sfogo, con nomi e cognomi, che dimostra ancora una volta come Massimo Giletti non abbia alcuna paura di dire ciò che pensa, nonostante questo lo abbia portato alla fine allo stato di isolamento in cui vige attualmente. A seguire, il video in cui Giletti fa anche il nome di Lilli Gruber.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News