Durissimo e autentico l’attacco di Salvini ad una donna rom arrestata: “Non deve più avere figli”

di Redazione |

Salvini

Sta circolando da alcuni giorni sui social un tweet di Matteo Salvini, che di recente avrebbe deciso di scagliarsi contro una donna rom accusata di rapina ad una disabile. Crimine orrendo, considerando anche le condizioni in cui versava e versa la vittima. L’irritazione del Ministro dell’Interno nasce dal fatto che, dopo aver ricevuto una condanna di 25 anni, la rom è stata scarcerata per il fatto di essere incinta. A questo punto è subentrato il tweet che ha sollevato un polverone già due giorni fa, subito dopo la pubblicazione. Tuttavia è oggi 20 giugno che è arrivata un’ulteriore presa di posizione da parte del numero uno della Lega dopo le critiche ricevute su un tema come quello della castrazione.

Cerchiamo dunque di andare con ordine e di comprendere cosa sia realmente avvenuto. Partiamo dal presupposto, come avrete intuito, che il tweet mostrato in foto ad inizio articolo è autentico. Un po’ come la gaffe dello stesso Salvini a proposito della scalinata di Rocky che a suo dire si trovava a Washington, invece che a Philadelphia (ne parlammo un paio di giorni fa sulle nostre pagine). Come si potrà notare qui di seguito dal tweet, nel farlo Salvini ha menzionato un articolo di Il Giornale.

 

Il Ministro dell’Interno, senza mezzi termini, ha dichiarato che “questa maledetta ladra in carcere per trent’anni, messa in condizione di non avere più figli, e i suoi poveri bimbi dati in adozione a famiglie perbene“. Insomma, non solo una pena esemplare, ma anche una sorta di castrazione chimica, che a detta dei suoi detrattori viene incoerentemente ignorata quando crimini del genere vengono commessi da italiani.

Un nuovo capitolo di questa vicenda è arrivato stamane, con il nuovo post Facebook dello stesso Salvini. Il capo della Lega ha deciso di rincarare la dose dopo le polemiche ricevute per la sua uscita, alimentando anche questo giovedì le polemiche social su un argomento tanto delicato. Insomma, il tweet ed il post sono entrambi autentici.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News