Draghi ha aumentato il prezzo delle sigarette: la macchina del fango e dell’erba sintetica…

di Shadow Ranger |

Draghi ha aumentato il prezzo delle sigarette: la macchina del fango e dell’erba sintetica… Bufale.net

“Draghi ha aumentato il prezzo delle sigarette” è l’ennesimo segnale, come se non avessimo altro bisogno, che la campagna elettorale è già iniziata.

E comincia già con le falsità, dato che come vedremo l’aumento del prezzo della benzina era stato deciso con la Legge di Bilancio 2021 (G.U. del 30 dicembre 2020).

Draghi ha aumentato il prezzo delle sigarette: disse il lupo all'agnello, mi intorbidi le elezioni...
Draghi ha aumentato il prezzo delle sigarette: disse il lupo all’agnello, mi intorbidi le elezioni…

Esiste una nutrita parte di elettorato per la quale un Governo di Unità Nazionale non è (e lo suggerisce la parola…) un momento di unità nazionale necessario alla contingenza ed al bisogno, bensì una sconfitta personale.

Sconfitta dalla quale bisogna riprendersi accendendo la macchina del fango a pieno regime e sporcando il più possibile la figura del Presidente del Consiglio.

Non importa se le accuse siano veritiere o meno: tanto qualcuno ci crederà. Ci abbiamo costruito campagne elettorali intere così in Italia.

Le campagne elettorali non si fanno più coi manifesti, ma con l’Astroturfing

Premessa inevitabile: cos’è l’Astroturfing?

Un termine americano per una campagna di qualsiasi tipo proveniente dal cittadino e non dalle autorità o dalle lobbies si chiama “campagna Grassroots”. Letteralmente “Grassroots” significa “dall’erba”, ma la traduzione letterale è movimento dal basso.

La politica attuale ci ha abituato al mito del “Movimento dal Basso”, i cittadini stanchi della politica e delle lobbies che si riuniscono per imporre le loro idee e la loro volontà.

Negli “anni ’80 o giù di lì” (citazione colta) un senatore Texano si accorse però che molte “campagne dal basso” dal basso non erano.

Semplicemente se vuoi rendere popolare e virale una tua posizione, basta attribuirla al “prototipo del cittadino onesto medio” e dichiarare che è una campagna dal basso.

Il senatore esclamò così:

“Io sono un texano! La riconosco benissimo la differenza tra l’erba vera e quella [sintetica] Astroturf!”

Dove per “Astroturf” si intendeva una nota marca di erba sintetica usata nell’Astrodrome, il “Palazzo dello Sport” di Houston.

Sostanzialmente la differenza tra una “campagna dal basso” è l'”Astroturfing” è tutta nella sua artificialità. Un Astroturfing viene costruito a orologeria, una vera e propria campagna elettorale ruggente e rabbiosa, costruita però sulle spalle del “cittadino honesto medio” per dare l’illusione che sia la volontà del popolo.

E non è neppure necessario che ci sia un fake alle spalle: basta fomentare rabbia e discontento perché il “cittadino informato” che crede di fare attivismo diventi pedina di rabbia altrui.

Astroturfing, erba sintetica.

Un po’ come aumentare l’aggressività di un cane da combattimento abradendogli i polpastrelli: un gioco che si riproduce da solo.

Draghi ha aumentato il prezzo delle sigarette: la bufala

Ciò posto possiamo passare ad analizzare la campagna elettorale già in cantiere.

Abbiamo visto roba di ogni tipo: Draghi accusato di girare con le auto della scorta senza assicurazione (come se potesse intascarsi i soldi della differenza…), Draghi photoshoppato assieme ad affermazioni variamente irritanti, Draghi denunciato come un Soros qualsiasi in una campagna di diffamazione QAnon e Draghi che aumenta il prezzo della benzina.

Apparentemente dal basso: dietro ogni meme c’è un “cittadino indinniato che si lamenta”.

E l’operazione funziona da due punti di vista: è da quando abbiamo cominciato Bufale che di tanto in tanto qualche “paladino della veraggente” ci dedica attestazioni di stima traducibili con

“bergoniaaaaaaahh! ve la prendete kol cittadino kontro la kasta ke dice kose ke pure ke si sbalia lo fa perkè ha la buona fede e non contro i gggiornali della kasta!!!! Kastaahhh kivipakkaaa!”

E il fenomeno viene sottovalutato, anzi visto col sorriso buono del “Cittadino che si impegna”.

Fattostà che ad un certo punto smettono di essere fenomeni singoli. La bufala contro il politico al potere di turno diventa un vero e proprio strumento elettorale brandito per tirare la volata agli altri candidati.

Un becero succedaneo delle “Tribune Politiche” di un tempo trasformate in sfrenati “Hunger Games” dove si cerca di tirare nel mezzo e fomentare la folla offrendogli “affermazioni come quelle che direbbero loro”.

Scenario noto a Facebook, che durante le elezioni di Mid-Term americane dovette bloccare centinaia di hub dello spam elettorale per evitare l’Astroturfing.

Anche in questo caso, in realtà basterebbe notare che la Legge di Bilancio 2021 è entrata in vigore il 30 Dicembre del 2020.

Draghi dunque non c’entra niente, non è vero che Draghi ha aumentato il prezzo delle sigarette.

Ma la verità non farebbe campagna elettorale.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News