Distribuiva falsi certificati di tampone negativo all’aeroporto, denunciato un 45enne

di Luca Mastinu |

NOTIZIA VERA falsi certificati tampone negativo mask
Distribuiva falsi certificati di tampone negativo all’aeroporto, denunciato un 45enne Bufale.net

Un 45enne originario del Marocco distribuiva falsi certificati di tampone negativo all’aeroporto di Capodichino, Napoli. Questo è quanto emerso dall’intervento della Polizia di Frontiera Aerea nella giornata del 12 febbraio. A permettere l’identificazione del truffatore è stata una sua connazionale che proprio da lui aveva acquistato un certificato al prezzo di 50 euro. La certificazione di tampone negativo è necessaria, infatti, per i voli internazionali.

La notizia è riportata da IS News. La 29enne marocchina si stava imbarcando, la mattina dell’11 febbraio, per un volo che l’avrebbe portata in Marocco. Agli agenti della Polizia di Frontiera aveva mostrato il certificato del tampone negativo, ma dopo i dovuti controlli è emerso che il documento era falso. A quel punto la Polizia ha interrogato la ragazza che ha spiegato di aver ricevuto quel documento da un uomo, suo connazionale, che distribuiva certificati falsi di tampone negativo proprio in quell’aeroporto.

Come scrive Il Mattino i poliziotti, grazie alle immagini della videosorveglianza alle indicazioni della donna, sono riusciti a rintracciare il truffatore. L’uomo, 45 anni, aveva con sé 9 certificati contraffatti, un blocco per appunti, un cellulare e 6678 euro. Il truffatore era anche già noto alle forze dell’ordine ed è stato denunciato per ricettazione e “vendita o acquisto di cose con impronte contraffatte di una pubblica autenticazione o certificazione”, mentre la donna è stata denunciata per uso di atto falso.

All’ingresso dell’aeroporto, dunque, l’uomo stazionava per vendere falsi certificati di tampone negativo.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

ATTENZIONE - L'articolo verrà successivamente completato con un FACT-CHECKING COMPLETO, ma per ora presenta un TAG PROVVISORIO con le informazioni fino ad ora raccolte per bloccare la viralità di eventuali bufale. La metodologia è spiegata nella seguente sezione: https://www.bufale.net/fact-checking-prearticoli

Latest News