DISINFORMAZIONE Polpette di maiale ai figli dei migranti Dove finisce l’accoglienza danese – Bufale.net

di David Tyto Puente |

DISINFORMAZIONE Polpette di maiale ai figli dei migranti Dove finisce l’accoglienza danese – Bufale.net Bufale.net

disinformazione-polpette-maiale-obbligatorie-migranti
Il 21 febbraio 2016 il Corriere della Sera pubblica un articolo dal titolo “Polpette di maiale ai figli dei migranti Dove finisce l’accoglienza danese” che riporta quanto segue:

Viaggio nella cittadina di Randers, Jutland, dove un’ordinanza obbliga «ogni residente o ospite a mangiare carne di porco», servita anche nelle mense e negli asili
Il provvedimento che introduce l’obbligo di servire carne di maiale nelle scuole e negli asili nido, sottoponendolo in linea di principio anche a chi non la può mangiare per motivi religiosi, è una novità assoluta. Non solo a queste latitudini. Neppure in Francia e in Italia, dove in passato lepenisti e leghisti hanno affrontato la questione dei menu diversificati negli istituti, si era arrivati a una scelta così radicale.

Un “obbligo” così dipinto che coinvolgerebbe non soltanto i musulmani, ma anche gli ebrei, il tutto nel nome dell’identità nazionale. Vale anche per chi ha intolleranze alimentari con la carne di maiale? Con i vegetariani e i vegani come la mettiamo? Le cose, però, non stanno come ha riportato il Corriere della Sera.
I fatti risalgono al 18 gennaio 2016, oltre un mese fa. Trovo un articolo dal sito danese Dr.dk del 19 gennaio che mi fa già dubitare:

Børnene skal tilbydes svinekød
Forslaget betydet blandt andet, at børn i kommunens børnehaver og vuggestuer skal have mulighed for at få svinekød i institutionerne, for eksempel frikadeller. Svinekød opfattes nemlig som en del af ’dansk madkultur’. Ingen børn vil dog blive tvunget til at spise svinekød eller anden mad, som strider imod deres holdning eller religion, står der i forslaget.

In pratica, lo scopo dell’ordinanza era quello di garantire all’interno delle mense comunali i piatti che fanno parte della cultura danese, tra cui la carne di maiale e le famose polpette, ma nessuno sarà costretti a mangiarla.
Bastava cercare “carne di maiale” in danese (“svinekød“) e il nome della città in questione con Google e potevate arrivare al sito del comune, Randers.dk, con l’articolo del 25 gennaio 2016 dal titolo “Svinekød skal på menuen“:

På byrådsmødet mandag d. 18. januar 2016 vedtog partierne Venstre og Dansk Folkeparti en formulering, der tydeliggør, hvad de kommunale madordninger skal tilbyde:
– at kommunale institutioner med madordninger sikrer dansk madkultur som en central del af tilbuddet – herunder serverer svinekød på lige fod med andre madvarer.
– at alle sikres en sund og varieret kost hvor ingen tvinges til at spise noget der strider mod ens holdning eller religion.
– at institutionerne sikrer fleksibilitet som tager de nødvendige hensyn til allergikere, religion, diabetes m.v.

In pratica, l’ordinanza punta a garantire a tutti una dieta sana ed equilibrata dove nessuno è costretto a mangiare qualcosa che sia in contrasto con il proprio credo religioso o convinzione (ricordiamo appunto i vegetariani e vegani).

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News