DISINFORMAZIONE Il sito TGNewsItalia e la storia della sposa bambina morta – Bufale.net

di David Tyto Puente |

DISINFORMAZIONE Il sito TGNewsItalia e la storia della sposa bambina morta – Bufale.net Bufale.net

disinformazione-yemen-bambina-sposa

Tra le segnalazioni pervenute in questi giorni ho visto in particolare quella pubblicata in pagina da Marco:

segnalazione-marco

L’articolo dal titolo “Yemen. Sposa a soli 8 anni muore dopo la prima notte di nozze” è stato pubblicato dal sito Tgnewsitalia.it, di cui il proprietario è lo stesso di Mafia-Capitale, il 7 marzo 2016.

whois
Whois del sito TGNewsItalia

In realtà è un copia incolla di un articolo di Repubblica dell’undici settembre 2013 dal titolo “Yemen: sposa a soli 8 anni, muore dopo prima notte nozze“.

In merito alla storia riportata da Repubblica ci sono dei dubbi, come ricostruiti dai colleghi di Butac. In pratica la fonte potrebbe essere il sito Gulfnews.com con l’articolo del 9 settembre 2013 intitolato “Wedding night death of girl, 8, denied in Yemen“. Ecco cosa riporta giorni prima rispetto a Repubblica:

“I got in touch with the director of Criminal Investigation, Hajja’s prosecutor and the province’s security chief who all flatly denied the story,” he said.

Al Qurishi said that his organisation conducted its own investigation into the issue by sending some activists to the area.” The preliminary results show that the story was untrue.”

Ora passo alla foto pubblicata dal sito Tgnewsitalia, la quale dimostra la sua totale malafede.

malafede-tgnewsitalia-yemen-bambina-sposa

La bambina della foto non è affatto morta e non riguarda affatto la bambina di 8 anni citata nel titolo e nell’articolo di Repubblica. Lei è Nada Al-Ahdal, all’epoca aveva 11 anni, ed è citata nello stesso articolo di Repubblica per raccontare la sua fuga da un matrimonio prematuro.

nada

Nada non è affatto morta, non è mai stata una sposa bambina. Possiamo vedere dalla sua pagina Facebook che sta bene ed è molto attiva in merito all’argomento:

nada-fb

Eccola in un video del 7 gennaio 2016:

nada-2016

Ricapitolando abbiamo un sito, di proprietà legata ad un altro presente nella nostra “lista nera“, che riprende copia incollando un articolo del 2013 non verificato e spacciando la falsa morte di un’altra persona.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News