DISINFORMAZIONE Esiste una geoingegneria clandestina – Bufale.net

di Luigi De Conti |

DISINFORMAZIONE Esiste una geoingegneria clandestina – Bufale.net Bufale.net

disinformazione

Rosario Marcianò, alias Tanker Enemy, è un personaggio noto ai vari debunker del web per via delle sue teorie riguardanti le scie chimiche. Secondo Marcianò, infatti, le normali scie di condensa rilasciate dagli aerei in volo, a determinate quote e in determinate condizioni climatiche, sarebbero in realtà la prova che codesti velivoli militari, camuffati da aerei civili rilasciano sostanze chimiche che inquinano e avvelenano l’atmosfera.

Marcianò chiama questa pratica come geoingegneria e ha scritto un decalogo in cui spiega la “distinzione” tra la geoingegneria ufficiale e quella clandestina;

Nel suo ultimo post riguardo alla geoingegneria ufficiale scrive:

“E’ il complesso dei progetti volti ad arginare il cosiddetto (inesistente) riscaldamento globale ed a governare i fenomeni meteo-climatici, attraverso il dispiegamento di varie metodologie e strumenti tecnologici: diffusione di composti dello zolfo in atmosfera, dispersione di ferro negli oceani per favorire la proliferazione di fitoplancton utile a catturare il biossido di carbonio, l’installazione di specchi nello spazio per riflettere una quota della radiazione solare, uso di mongolfiere etc.”

A parte la negazione dell’esistenza del fenomeno del riscaldamento globale, in effetti la vera Geoingnegneria, che in realtà si divide in tre branche, ovvero geologia applicata, geotecnica e  ambientale (quella che ci interessa), riguarda proprio esperimenti di intervento umano sull’ambiente per cercare di contrastare i cambiamenti climatici quali, per esempio, l’effetto serra.

E’ comunque una disciplina ancora in fase sperimentale. Di sicuro non utilizza strumenti fantascientifici come “specchi nello spazio”!

Il post poi prosegue:

“E’ l’insieme delle operazioni chimiche e biologiche compiute nella biosfera con i seguenti obiettivi: ottimizzare le trasmissioni radar nonché controllare i processi economici e demografici, dal dominio del clima in settori strategici e produttivi allo sfoltimento della popolazione. Si veda la criminale Agenda 21 … Le scellerate attività sono perpetrate in quasi tutto il pianeta … Ha ripercussioni devastanti sull’ambiente e sulla salute … E’ compiuta per mezzo di aerei civili (passeggeri e cargo), talora con droni (velivoli radiocomandati) ed unità militari. Fondamentale è pure il ruolo dei riscaldatori ionosferici, sia fissi sia mobili.“

In questo caso però si contraddice da solo. Per esempio sostiene che gli aerei rilasciano polveri di alluminio per favorire le trasmissioni radar militari; in realtà un’eventuale operazione simile causerebbe l’effetto opposto. Le onde radar verrebbero riflesse dagli elementi metallici presenti nell’atmosfera  creando un sacco di disturbi agli stessi apparecchi di rilevazione.

Marcianò inoltre sostiene che le scie chimiche servano a controllare il clima, causando tempeste, nubifragi (grazie anche ad HAARP), cataclismi (perfino terremoti), oppure per avvelenare e far ammalare l’intera popolazione mondiale.

Per non parlare di presunti “riscaldatori ionosferici”. Probabilmente intende le antenne radio tipo HAARP, un complesso di trasmettitori presente in Alaska e chiuso nel 2013, in cui si studiavano gli effetti sulla ionosfera di onde radio. Ovviamente con una potenza totale (contando tutte le antenne) di 3600 Kw è impossibile che codeste onde magnetiche possano causare un qualsiasi danno o effetto sul clima.

Si cita poi la cosiddetta Agenda 21, che lui definisce “criminale”. In realtà si tratta di un piano d’azione per lo sviluppo sostenibile del pianeta messo a punto dall’ONU nel 1992. Nulla di oscuro o di segreto, quindi, ma molti continuano a citarla a sproposito come prova a loro favore. Più in là con l’articolo, Marcianò sostiene che i media e gli scienziati di tutto il mondo negano di proposito l’esistenza delle suddette scie chimiche.

“E’ negata in modo pervicace e spudorato, contro ogni evidenza: gli scienziati ed i ricercatori che la denunciano sono bollati come visionari e paranoici. Il tutto è ricondotto a ‘teoria del complotto’ (sic)”.

E gli “scienziati” che invece confermerebbero le operazioni di geoingegneria clandestina vengono ingiustamente bollati dai media come visionari e paranoici.

“Da chi è investigata. E’ accennata da qualche giornalista e dagli specialisti non collusi con il sistema per scoprire, di là dalle finalità dichiarate, i veri scopi della biogeoingegneria.“

Mentre solo qualche “giornalista” e “specialista” non colluso, ha il coraggio di parlarne. In verità, di codesti “scienziati”, non ce ne sono davvero molti.

Da notare, poi, il modo con cui conclude “il confronto”.

“Geoingegneria ufficiale: ‘Grado di veridicità da 0 a 100. Zero.’ Geoingegneria clandestina: ‘Grado di veridicità da 0 a 100. Cento'”.

Non certo il metodo migliore per porre un confronto, ed infatti questo articolo non va preso a senso unico, ma deve essere un punto di partenza per una discussione costruttiva togliendo l’acidità che di solito contraddistingue pro e contro del settore.

 

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News