Da Como a Fano a piedi dopo aver litigato con la moglie: le ultime notizie

di Bufale.net Team |

Da Como a Fano
Da Como a Fano a piedi dopo aver litigato con la moglie: le ultime notizie Bufale.net

Tutti abbiamo scherzato sulla vicenda, del resto un uomo che si incammina da Como a Fano dopo aver litigato con la moglie, percorrendo 450 km senza mai fermarsi non è una notizia che sentiamo tutti i giorni. La notizia è stata riportata da Il Resto del Carlino il 1° dicembre. Successivamente, sono stati forniti altri dettagli dalla fonte, con cui possiamo considerare vera tutta la storia.

Articolo originale

“Sto bene ma sono un po’ stanco, avrebbe riferito l’uomo ai poliziotti che lo hanno fermato alle 2 di notte mentre camminava in zona Gimarra. Gli agenti stavano circolando per i controlli Covid e hanno notato l’uomo di spalle che claudicante camminava da solo. Una volta fermato, l’uomo non ha opposto resistenza e in Commissariato ha raccontato di essersi incamminato per sbollire una lite con la moglie.

Dai documenti, tuttavia, è risultato che l’uomo avesse la residenza a Como e per questo gli agenti hanno voluto approfondire. Dal database risultava che l’uomo, 48 anni, era ricercato come scomparso a seguito della denuncia presentata dalla stessa moglie presso la Questura di Como. Il 48enne, infatti, si era allontanato da casa da una settimana.

“Sono venuto a piedi fin qui. Non ho usato nessun mezzo. In questi giorni ho mangiato e bevuto perché la gente che ho incontrato lungo il cammino mi ha offerto acqua e cibo. Sto bene. Sono solo un po’ stanco”.

La polizia ha messo a disposizione dell’uomo una stanza presso l’hotel Augustus dopo aver avvertito la moglie del ritrovamento. Il racconto della donna combaciava con la versione del marito: a seguito di una lite l’uomo si era allontanato e non aveva più fatto ritorno. Il 1° dicembre la moglie è partita da Como per andare a prenderlo, ma al suo arrivo ha dovuto pagare il conto dell’albergo e la multa ricevuta dal marito per aver violato il coprifuoco previsto dal DPCM.

Perché “Analisi in corso”?

Parliamo di Analisi in corso perché tutte le altre fonti consultate (RepubblicaOltreFanoFanpageHuffington Post) fanno riferimento all’articolo pubblicato da Il Resto Del Carlino e non riportano altri dettagli sulla vicenda. Nell’attesa di più dettagli sul caso consideriamo la nostra analisi ancora in corso.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News