C’era una volta il libretto di idoneità sanitaria…

di Bufale.net Team |

C’era una volta il libretto di idoneità sanitaria… Bufale.net

C’era una volta il libretto di idoneità sanitaria. Previsto dall’art. 14, della legge 30 aprile 1962 n. 283, e dal decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo 1980, n. 327,  si basava sul concetto che i lavoratori addetti alla produzione, preparazione, somministrazione, distribuzione e deposito di sostanze alimentari venissero sottoposti a controlli clinici ed esami atti ad escludere la presenza di malattie infettive e diffusive.

Tale obbligo fu in seguito prima sospeso e poi rimpiazzato dai corsi di sicurezza alimentare HAACP, ribattezzati “corso ex libretto sanitario”, partendo dal presupposto che i tempi fossero maturi per insegnare alle categorie di lavoratori coinvolte da obblighi di sicurezza ad autogestirsi.

Come abbiamo avuto modo di dimostrare in passato, tutto questo non implica che al mutare della situazione non si potesse intervenire.

Sterilgarda prima, CONAD poi hanno solo anticipato quanto l’attuale decreto di estensione del Green Pass ha reso palese: può essere richiesto, tanto più in tempo di pandemia, a chi lavora col pubblico di provare di aver messo in cantiere i minimi adempimenti per limitare il contagio.

Sottoporsi ai controlli clinici ed esami atti ad escludere la presenza di malattie infettive e diffusive del Libretto Sanitario, frequentare i corsi obbligatori di sicurezza alimentare… e nuovamente sottoporsi a controlli clinici ed esami adatti ad escludere la presenza di malattie come COVID19 per mezzo del Green Pass.

Ci sono ancora le vaccinazioni obbligatorie per recarsi all’estero, e in tempi di diffusione epidemica locale, come nel 1973 a Napoli, grandi campagne vaccinali hanno immunizzato vaste fette della popolazione.

Probabilmente, se avessimo avuto un vaccino per l’AIDS negli ormai lontani anni ’90, questo sarebbe diventato immediatamente obbligatorio.

Come obbligatoria è la presentazione di certificato medico per l’esercizio dell’attività sportiva ed agonistica, obbligatoria è l’obbedienza ai divieti di fumo in locali chiusi.

C’era una volta il libretto di idoneità sanitaria: ma non c’erano tristi tentativi di mezzucci per eluderlo. Ed ora?

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News