Carola dice “Guarda che io a mio padre gli ho già sputato in faccia”

di Shadow Ranger |

Carola dice “Guarda che io a mio padre gli ho già sputato in faccia” Bufale.net

La passione dei mematori per le bufale, come dimostra il caso “Guarda che io a mio padre gli ho già sputato in faccia” tende a rasentare i limiti del grottesco.

Chi mema, abbiamo già appurato, non lo fa per la verità. La verità si fa coi fatti e le prove, e i mematori spesso agiscono animati da calcolo e pregiudizio.

Chi mema, sappiamo, non lo fa per satira. La satira è coraggiosa, se la prende col potente. Il meme è un linguaggio vile e codardo, se la prende col debole, con chi versa in difficoltà e con chi non può rispondere. Il meme si nasconde come un bambino viziato dietro i pantaloni del potente implorando protezione in cambio di servilità.

Il meme non è satira né verità, non è critica né risata. È il meme, il discendente dei disegnetti della propaganda dei più vili totalitaritasmi.

E credere nel meme non è segno di arguzia. Specie quando il mematore non ha fantasia.


Specie quando si ricicla la frase “Guarda che io a mio padre gli ho già sputato in faccia” da un film: per essere precisi Un sacco bello di Verdone, denunciando la chiara matrice ideologica alle spalle del meme stesso.

"Guarda che a io a mio padre gli ho già sputato in faccia. Attento fascio che non ci metto niente"
“Guarda che a io a mio padre gli ho già sputato in faccia. Attento fascio che non ci metto niente”

La frase, dicevamo, è presa dal film Un sacco bello di Verdone. E viene proferita dal personaggio di Fiorenza, una becera parodia dell’hippy strafatta e dalla mente ottenebrata dagli stupefacenti che biascica luoghi comuni per tutto il film.

Peraltro, è anche tratta da una bufala da noi affrontata giusto ieri. Tanto per non farsi mancare niente.

Abbiamo visto in passato meme non meno falsi con termini come rastona, drogata e altri insulti non meno lesivi.

Il senso è lo stesso: il mematore vuole accomunare, per i pochi piranha che ha eccitato lanciando il prosciutto in grado di riconoscere la citazione, il Capitano Rackete al vacuo personaggio sfatto e dal cervello bruciato raffigurato dal film di Verdone.

Tutti gli altri vuole solamente indinniarli.

E qui, ribadiamo, siamo anni luce dalla satira. Anni luce dall’ironia, ma siamo nell’aperta piaggeria politica nell’opulento stile dei Due Minuti di Odio previsti da George Orwell.

 

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News