Capitelo: voi non avete la facoltà di capire e avete bisogno di uno specialista

di Luca Mastinu |

Nonostante i ripetuti appelli a prestare attenzione a ciò che si condivide, ciò che si scrive e ciò che si pubblica su Facebook, le diffamazioni gratuite e insensate continuano. Nel mirino degli haters di oggi troviamo il sindaco di Crema Stfania Bonaldi, colpita da un meme che la accusa di essere idealmente la mandante della tentata strage di San Donato.

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, testo

Il sindaco di Crema, Stefania Bonaldi del PD (che è a favore dell’immigrazione incontrollata ed è contro il decreto sicurezza) ha permesso al senegalese con precedenti di tentare una strage! Deve dimettersi.

Siamo alla patologia, e non usiamo questo vocabolo per offendere. In questo caso c’è davvero urgenza di un intervento sanitario, perché scomodare la libertà di espressione e l’appartenenza ideologica sarebbe inopportuno. Se conoscete la persona che ha condiviso o creato questo meme abbiate l’umanità di indirizzarla verso una serie di accertamenti. Non attaccatela, non offendetela. Siate umani e siate empatici: aiutate questa persona a curarsi.

Non siamo di fronte a un mendicante del web e nemmeno di fronte al solito indignato: siamo di fronte a una persona incapace ed è il caso che si faccia qualcosa. La persona incapace, infatti, pur vivendo in una società in cui la diffamazione costituisce reato, si inalbera in situazioni che non comprende e potrebbe mettersi nei guai.

Questi guai arrivano dalla persona oggetto dell’apparente odio, in quanto la stessa Stefania Bonaldi ha deciso di intervenire legalmente contro chi diffonde questo contenuto. Il sindaco di Crema lo ha dichiarato in un post sulla sua pagina Facebook:

Nelle ultime ore stanno girando meme come questo e una serie di fake news da parte di troll e siti fantasma che parlano della sottoscritta. Fake che vengono riprese da persone che non verificano le fonti e danno luogo a diffamazioni, calunnie ed insulti nei confronti della mia persona, anche particolarmente violenti. Si sta tentando di screditarmi prendendo di mira la mia posizione a difesa dei diritti di tutte le persone, senza distinzione di orientamento sessuale o di etnia, per associarla all’orrenda vicenda dell’autobus dirottato e alla assunzione dell’autista Italo Senegalese, che come abbiamo ripetuto in ogni intervista ed in ogni comunicato, era un dipendente di Autoguidovie, azienda che gestisce il trasporto pubblico locale nel bacino della provincia di Cremona, sulla base di un appalto pronvinciale. Segnalerò immediatamente alla Polizia Postale quanto sta succedendo e stiamo facendo screenshot di giornali on line e commenti ingiuriosi, dopodiché con il mio legale di fiducia procederò a sporgere denuncia. Ho già vinto due cause per diffamazione, non ho paura. È un modo schifoso, violento e codardo di agire, tipico di chi non ha il coraggio di esprimere civilmente e a viso aperto le proprie idee. Chiedo agli amici di darmi una mano a smascherare e svergognare questi incivili.
Sì, praticamente chi ha contribuito a diffondere questo orrore dovrà vedersela con la legge, perché gli haters, ovvero coloro che odiano veramente gli italiani, non hanno avuto la prontezza di trovare una cura al loro male prima di poter accedere all’Internet. Oggi, con nostro dolore, dovranno temere una grave conseguenza sul loro conto. Ci dispiace, ma a più riprese vi avevamo avvertiti, vi avevamo consigliato di smettere e far smettere. Non lo avete fatto, ora dovrete fare da voi. Se avete un buon legale rivolgetevi a lui, ma soprattutto valutate seriamente l’idea di farvi aiutare. La vostra non è un’opinione. Il vostro è un disturbo e dovete provvedere, perché se perseverate nella linea dell’istinto potreste diventare pericolosi per gli altri e per voi stessi.
Oggi Stefania Bonaldi, alla quale va tutta la nostra solidarietà, vi ha dimostrato che siete pericolosi per voi stessi, soprattutto. Gli strumenti per capire ve li abbiamo forniti, voi li avete gettati nella spazzatura. Se vi va, rovistate nei cassonetti e recuperateli, oppure tornate qui e chiedeteci come si fa. Fate un passo indietro, fidatevi: vi conviene. Mettetevi in discussione, fidatevi: ne avete bisogno. Urgentemente.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News