Caccia all’evasore fiscale con la Lista Dubai: guai in arrivo per i furbetti

di Bufale.net Team |

Caccia all’evasore fiscale con la Lista Dubai: guai in arrivo per i furbetti Bufale.net

La Lista Dubai potrebbe essere il titolo di un action movie. Ma non lo è.

Più prosaicamente, è un elenco di dati di evasori Italiani reperito dalla Germania da una fonte anonima a Dubai. Si vocifera un hacker.

Ovviamente
Non lui, ma ci piacerebbe molto

Scherzi a parte, della Lista Dubai la cronaca parla almeno da Giugno, come il discendente della “Lista Falciani”.

Dalla Lista Dubai alla Lista Falciani: storia delle liste

Il ministro delle finanze tedesco Olaf Sholz aveva già dichiarato a Giugno che l’ufficio federale per le imposte tedesco (BZSt) aveva acquisito un CD contenente una lista, per il “modico” valore di 2 milioni di euro”.

Peraltro dichiarandosi disponibile a condividerla con tutti i paesi interessati, come la Francia e, attualmente, l’Italia.

Il precedente illustre è la “Lista Falciani”, un elenco di titolari di conti in Svizzera inizialmente usata per operazioni di spionaggio bancario poi usata per accertamenti bancari.

Guai in arrivo ed utilizzabilità della lista

Il sottosegretario Laura Castelli si dichiara ottimista sull’uso della lista per stanare i furbetti

«Sono contenta dell’approccio della Germania, che con la Lista Dubai ha acquistato i dati di un intero sistema bancario e che ora, questi stessi dati, li mette a disposizioni di tutti i partner internazionali», ha dichiarato Castelli attraverso i social network. «Dati che noi, tra i primi, abbiamo richiesto e stiamo acquisendo e valutando. Proprio Agenzia delle entrate, grazie a questi dati, ha avviato le verifiche necessarie ad appurare quanti non hanno dichiarato i capitali spostati all’estero, evadendo così nel nostro Paese»

Utilizzo ricordiamo pienamente legale, ancorché come elemento indiziario più che probatorio, sicché Cassazione n. 11162/2021, ci ricorda, nell’ambito delle proprie attività di accertamento, l’amministrazione finanziaria può comunque avvalersi di tutti gli elementi che hanno valore indiziario, anche unico, purché la loro inutilizzabilità non discenda da una legge tributaria.

Proprio mentre si parla di attacchi hacker alla Regione Lazio ed una serie di disservizi ad esso legati, una lista di probabile fonte hacker alla fine potrebbe rendere un servizio prezioso alle autorità. Ironico, vero?

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News