BUFALA Wi-Fi troppo lento, gli immigrati protestano – bufale.net

di Shadow Ranger |

BUFALA Wi-Fi troppo lento, gli immigrati protestano – bufale.net Bufale.net

bufala-wifi-lento-immigrati

Ci arriva una nuova segnalazione tratta dal portale  Italiano Sveglia, relativa a presunti disordini Catanesi arricchiti da una foto:

Immigrati ospiti di un ostello sul lungomare Catanese, protestano a causa della lenta connessione Wi-Fi che da giorni l’ostello stesso gli fornisce. Il proprietario, che mai aveva avuto modo di gestire un numero così ingente di connessioni alla rete del locale, inizialmente, pur tagliando qualche spesa, era riuscito ad accontentare tutti; ma il numero degli ospiti aumenta, gli accessi ad internet con lui. Due giorni di connessione lenta bastano a scatenare una vera e propria protesta lungo le strade del lungomare tanto da costringere le Forze dell’Ordine ad intervenire. «Il ddl Manconi parla chiaro sull’uso della violenza da parte delle Forze dell’Ordine, dunque tutto ciò che abbiamo fatto è chiamare un tecnico che potenziasse ulteriormente l’impianto a spese della città». Queste le parole del maresciallo, che, grazie all’ausilio dei suoi uomini, ha successivamente sgomberato la zona, e fatto sì che tutto tornasse alla normalità.

Molto simile la vicenda avvenuta circa un anno fa in quel di Livorno:

93203_wifilento

I più acuti tra voi avranno notato una bizzarra mescolanza tra l’oggettivamente malfatto Photoshop del cartello retto dal “presunto profugo” ed i cartelli in inglese, uniti alle indicazioni inglesi sui caschi e sulle divise della polizia.

Infatti la foto è tratta da un reportage sulle Proteste di Baltimora,   ed il cartello originale  è in realtà questo:

anti-terror-apparatus-in-us-riots

Freddie non è morto invano! Diritti civili oggi!

Recita il cartello tradotto, anche se il nostro anonimo bufalaro ha invece deciso di desumere dalla morte  di Freddie Grey non già un’occasione per aprire il dibattito sui diritti civili, ma un  meme pronto all’uso per gettare al popolo della rete una vera e propria polpetta avvelenata di likes e condivisioni.

Il resto dell’articolo fa riferimento ad una serie di simili notizie che, a dire dell’autore sarebbero avvenute  in Toscana,  a San Rossore ed a Campiglia.

Notizie  reali, ma  di   cui ci siamo già occupati qui   in una nota di precisazioni  del 9 maggio 2015.

Siamo alla  nuova frontiera delle bufale: una notizia   già affrontata  e della quale  si è già evidenziata la verità (rimandiamo all’articolo per comprendere cosa davvero sia accaduto  l’anno scorso) viene usata  come Cavallo di Troia per consentire ad una bufala bella e buona di essere sdoganata.

Un verificatore distratto pertanto cercherà tracce su Internet dell’evento reale, senza peraltro soffermarsi più di tanto a leggere smentite e precisazioni inevitabilmente  intervenute nei lunghi mesi dalla pubblicazione al replay e prenderà per buona anche la bufala  ad esse congiunta.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News