BUFALA Venezia, donne velate sputano al crocifisso – bufale.net

di Luca Mastinu |

BUFALA Venezia, donne velate sputano al crocifisso – bufale.net Bufale.net

bufala venezia donne velate sputano al crocifisso mask

Inizia a prendere il volo una notizia comparsa su direttanews  nella giornata di Domenica 7 Agosto

Di recente si ricorda un precedente simile nell’aprile del 2011 un algerini di fede islamica, Jamel Zmhwli, all’epoca dei fatti 31 enne patteggiò 7 mesi di reclusione per avere sputato e pestato un crocifisso. I fatti avvennero a Pordenone. L’uomo era accusato di oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, di rifiuto di fornire le proprie generalità e di vilipendio agli oggetti di culto L’uomo era giunto in Italia da poco. Fu processato per direttissima, difeso da un avvocato donna. Dall’istruttoria emerse che in passato egli aveva fornito alle autorità nove nomi diversi. La pena, comminata da un giudice donna fu sospesa e l’uomo tornò in libertà. Pochi giorni fa gli sputi a un altro crocifisso nella chiesa di San Zulian, a pochi passi da San Marco sotto gli occhi del sorvegliante: a compiere l’oltraggio sarebbero state 4 donne di fede islamica, velate che si sarebbero allontanate subito dopo, confondendosi fra i turisti. Nella stessa chiesa San Zulian ieri due giovani orientali hanno fatto la fila per la comunione e hanno sputato la particola a terra, lasciando anche loro la di fretta la chiesa. E c’è anche chi entra per pregare Allah. Il parroco don D’Antiga racconta che alle rimostranze dei fedeli rispondono: “Possiamo entrare nelle chiese e pregare Allah, Papa Francesco cha dato il permesso”.

L’articolo esordisce con un espediente formidabile: citare un precedente, opera di un algerino di 31 anni e autore di un oltraggio ai danni di un crocifisso, confermato in questo articolo  del Messaggero Veneto, già citato da UAAR. In pratica, ‘sti maleducati islamici non solo compaiono quotidianamente nei servizi di disinformazione più gettonati dall’utente medio – quello che ti etichetta come servo del PD quando lo poni di fronte alla realtà dei fatti – ma perseverano nel vilipendio alle icone cristiane. Quattro donne di fede islamica avrebbero sputato sul crocifisso nella chiesa di San Zulian, a Venezia.

Un vero peccato per gli aficionados della disinformazione scoprire che queste quattro donne islamiche non si sono affatto macchiate di tale gesto. Chi lo conferma? Lo stesso Don Massimiliano d’Antiga, parroco di San Zulian, in queste dichiarazioni  comparse su la Nuova Venezia l’8 Agosto 2016

Nessuno ha sputato sul crocifisso che sta subito dopo l’entrata e non ho presentato alcuna denuncia.

Chiaro, breve e conciso. Continua:

Succede spesso che entrano gruppi di musulmani, donne velate e uomini con la barba, si piazzano davanti al crocifisso e si fanno fotografare o riprendere magari compiendo gesti poco rispettosi, oltraggiosi, fanno le corna, ridacchiano e così è successo l’altro giorno per quel gruppo di donne, che quando è arrivato il custode se ne sono andate velocemente. Nessuno, però, le ha viste sputare.

Per quanto riguarda l’episodio dei due orientali che avrebbero sputato per terra la particola, sempre don Massimiliano fa chiarezza: i due si sarebbero uniti alla fila per ricevere l’Eucarestia e ricevuta questa si sarebbero allontanati ridacchiando. Alcune fedeli, infastidite, avrebbero intimato i due irrispettosi a restituire ciò che indegnamente avevano preso, ma questi lo avrebbero sputato per terra per poi andare via.

Nello stesso articolo e con lo scopo di fare luce sulle vicende oltraggiose avvenute nella chiesa di San Zulian, interviene il patriarcato (nella persona di Francesco Moraglia) che dichiara quanto segue:

la Curia Patriarcale di Venezia sta tuttora attentamente vagliando quanto riferito per chiarire fatti, modalità e interconnessioni di ciò che è realmente accaduto. Si precisa, inoltre, che non è corretto affermare che nella basilica cattedrale di San Marco vi siano frequenti atti di oltraggio alla Santissima Eucaristia; succede talvolta che, al momento della Comunione, si presentino – a ricevere l’ostia – persone all’oscuro del significato del gesto liturgico che stanno compiendo.

Riepilogando:

Donne islamiche sputano sul crocifisso? Falso. Nessuno le ha viste in simili atteggiamenti;

Orientali sputano la particola dell’Eucarestia? Vero, ma solo dopo il preṡentatàrm di alcune fedeli. Forse per dispetto, ma chi compie questi gesti non lo fa per minare la religione. Fidatevi. Chi vuole minare una religione fa cose ben più gravi.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News