BUFALA arriva la tassa sulla seconda auto – BUFALE.NET

di Shadow Ranger |

BUFALA arriva la tassa sulla seconda auto – BUFALE.NET Bufale.net

bufale
Ci segnalano i nostri contatti la seguente notizia, targata Toglimi Una Curiosità, pubblicata solo ieri, secondo cui:

Dopo la tassa sulla seconda casa non potevamo ovviamente non aspettarci una tassa anche sulla seconda auto… e cosi’ e’ stato. Da Gennaio infatti scatta il nuovo pagamento che riguardera’ chiunque abbia una seconda auto in famiglia. Il costo? 30 euro al mese, che quindi gravera’ per piu’ di 300 euro l’anno a famiglia.
Il provvedimento e’ volto a riempire le casse dello Stato che in questo momento di spese Natalizie sono sempre piu’ vuote.
Ai nostri microfoni parla il candidato all’Albo D’Oro, Gianluigi Giargenti, che ha commentato: “Chi possiede una seconda auto evidentemente puo’ permettersi delle spese che una parte piu’ povera della popolazione solamente si sogna. Il nostro giusto provvedimento va proprio a favore di quelle famiglie svantaggiate. Chiediamo alle famiglie benestanti infatti uno sforzo per il nostro paese che gli ha dato tanto in questi anni”.
E per chi decide di vendersi la seconda auto? Nessun problema. Bastera’ fare comunicazione al comune per mezzo di carta fax bollata, con traduzione giurata del perito, per annullare i futuri pagamenti che non dovrebbero essere scalati automaticamente dal conto.
Il candidato alle qualificazioni comunali Amelanno ha commentato” Giargenti e’ impazzito: non capisce che gia’ le famiglie non riescono piu’ ad arrivare a fine mese? Bisognava tassare chi ha i barconi o chi viaggia spesso all’Estero”.
E voi come la pensate?

La bufala, perché tale notizia è evidentemente una bufala, capita a proposito per collaudare gli strumenti forniti dalla nostra recente guida utile, in traduzione, su come scoprire le bufale virali.

Seguendo pedissequamente i consigli forniti abbiamo provato a cercare ulteriori riscontri su Google, scoprendo che, a parte il link riportato sul sito Facebook Situazioni Virali, esistono solamente due link che riportano la notizia così come formulata su Internet, derivati al sito indicato

 
Passando comunque a leggere nel dettaglio il testo indicato non possiamo che evidenziare una serie di elementi ulteriori:
 
Non solo infatti la notizia non viene riportata da nessuna agenzia stampa, testata giornalistica o fonte istituzionale, ma riporta personaggi inesistenti con qualifiche dolorosamente inappropriate al presunto intento legislativo.
Solo con un forte sforzo di immaginazione, oppure a seguito di una lettura distratta, potremmo infatti pensare che l’Albo d’oro del Campionato di Calcio  sia fonte privilegiata per informazioni e compendi legislativi, e che il candidato alle qualificazioni comunali possa rientrare nel procedimento di formazione delle leggi.
Vieppiù che si parla di personaggi inventati: non esiste alcun “candidato all’albo d’oro Gianluigi Giargenti”, essendo titolo di Campione d’Italia FIGC assegnato alla squadra vincitrice di Campionato, e non ad improbabili candidati investiti di potere legislativo.
Come nella nostra guida in traduzione, questa storia deve la sua viralità estrema (9,9mila condivisioni, crescenti, al 27.11.2014) perché colpisce duro i due capisaldi dell’indignazione popolare: la politica percepita come corrotta e popolata da personaggi inclini allo sperpero, al lusso e dalla vita agiata (“i barconi o chi viaggia spesso all’Estero”) e l’incertezza data da una situazione economica per cui un ulteriore esborso monetario è percepito come una grave minaccia.
Ripetiamo l’appello fornito quindi nella nostra precedente guida, invitandovi ad interrompere la condivisione virale di questa bufala, senza preoccuparvi per una tassazione inesistente.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News