BUFALA Strage a Trieste. Ragazza vegana uccide i genitori. Volevano cucinare l’agnello pasquale – bufale.net

di Shadow Ranger |

BUFALA Strage a Trieste. Ragazza vegana uccide i genitori. Volevano cucinare l’agnello pasquale – bufale.net Bufale.net

Con tutto il parlare di agnelli, Pasqua e veganità di questi giorni era fatale che qualcuno decidesse di spremere un po’ di viralità dalla querelle, imbastendo un sordido teatrino con molti tratti in comune con una versione particolarmente perversa della Bufala del Giustiziere

E’ accaduto a San Dorligo della Valle-Dolina, una piccola cittadina in provincia di Trieste, che si appresta a trascorrere una Pasqua all’insegna del dolore e della disperazione.

Erano da poco passate le 21 quando la signora Lucia aveva ordinato al marito Beppe di andare nella stalla e prendere il capretto da macellare così da poterlo cucinare nel giorno di Pasqua e gustarlo insieme alla figlioletta e ad altri parenti.

Purtroppo però, gli ignari coniugi non avevano idea che la loro figlia adolescente fosse una fervente animalista, e che alla base della sua alimentazione ci fosse una dieta vegana, cioè un regime alimentare che si priva di mangiare carni di animali, pesci compresi, e i loro prodotti, quindi uova latte e derivati.

Secondo le dinamiche ricostruite dalla polizia, arrivata sul posto in seguito alla chiamata dei vicini che hanno sentito le urla, pare che il primo ad essere stato ucciso sia stato il signor Beppe, colpito alla nuca con un’ ascia e lasciato a dissanguarsi nel fienile.

Subito dopo la ragazza(di cui non facciamo il nome, in quanto minorenne) è entrata in casa e con un coltello da cucina colpito al fianco destro la madre, con 12 coltellate all’altezza dei reni, mentre la donna era di spalle, ai fornelli.

La ragazza inizialmente sotto shock non aveva aperto bocca, successivamente all’arrivo degli psicologi ha confermato la ricostruzione della scientifica e ha spiegato che il motivo di tale abominio è stato, la sua volontà nel salvare la vita del capretto innocente simbolo di purezza e cristianità. “Salvando quel capretto ho salvato Gesù Cristo, che i miei genitori malvagi volevano crocifiggere ancora una volta, ora entrerò nel regno dei cieli“, sono queste le parole della giovane, che adesso verrà trasferita in un centro di accoglienza per minori.

La storiella, che strizza l’occhio alla branca più rabbiosa e oltranzista dell’antispecismo, inserendo una contrapposizione con chi è incline ad estendere la critica ad una rancorosa minoranza ad un’intera categoria umana, si presenta infatti con gli stessi caratteri normalmente attribuiti alla bufala del Giustiziere, dove un “giustiziere” compie atti di efferata e compiaciuta brutalità, graficamente descritti in ogni loro sordido dettaglio, allo scopo di “vendicare” una vittima inerme dai suoi presunti aguzzini, venendo per questo punito da autorità che non comprendono il suo spirito di giustizia.

La furba variante consta, appunto, nel suscitare ulteriori flame di risulta basate su chi, credendo la notizia reale e leggendo della ragazza (descritta con tutti gli accenti di una invasata psicopatica) potrebbe essere tentato di accendere flame verso gli antispecisti più moderati, oppure da chi vorrà condidividere la notizia-bufala con l’apposito scopo di attivare flame “vegano contro onnivoro”

Ignorando che basterebbe leggere il disclaimer per disinnescarle

Il “Giornale italiano” non è una testata giornalistica, e non viene aggiornato quotidianamente. Alcune delle notizie riportate potrebbero essere inesatte o inventate a scopo satirico, per far riflettere o semplicemente per divertire. Vogliate comunicarci se qualche contenuto presente nel sito turbi la vostra sensibilità, provvederemo a rimuoverlo o modificarlo.

Basta leggere con attenzione.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News