BUFALA Il porno di Barbara d'Urso

di Shadow Ranger |

BUFALA Il porno di Barbara d'Urso Bufale.net

Barbara D'Urso ed il falso porno
Ci segnalano i nostri contatti la presenza di una notizia relativa ad un presunto porno della conduttrice Barbara D’Urso, per ora inedito, destinato alla pubblicazione sul portale Brazzers, di questo contenuto

Grandi novità in arrivo per la celebre conduttrice partenopea Barbara D’Urso: a Gennaio infatti, uscirà il suo primo film porno girato dalla celebre casa di produzione pornografica Americana Brazzers. La D’Urso rivestirà le parti di una ingenua casalinga che presa per sfinimento dalle continue pressioni del suo giardiniere si concederà in un finale scoppiettante ricco di riprese hard-trash.
Il film sarà lanciato online proprio dalla Brazzers e sarà possibile avviare il download (a pagamento) dal 21 Gennaio 2015.
Secondo le prime stime per girare questo film la showgirl Italiana avrebbe ricevuto un compenso a 5 zeri non reso noto per questioni di Privacy.
L’acquisto del film potrà essere effettuato tramite carta di credito o paypal al prezzo di 18 dollari.

Già cominciano ad apparire le prime smentite, da portali specializzati nel Gossip come Meltybuzz, basate su un giudizio di verosimilità relativo a quanto, in realtà, la famosa showgirl sarebbe disposta ad “osare” restando nel suo vivace, ma un po’ pepato, personaggio di ragazza acqua e sapone

In realtà conoscendo il piccantino che è celato all’interno di Barbara D’Urso la cosa potrebbe risultare decisamente verosimile, basti pensare alle esternazioni in merito a Matteo Renzi inseguito al famoso selfie a Domenica 5. Lei stessa aveva dichiarato che se il Premier fosse stato single “ci avrebbe fatto un pensierino”. La notizia è chiaramente inverosimile perché comunque la D’Urso, a parte il sexy backstage per Chi, ci tiene a mantenere la sua immagine da donna della porta accanto.

In realtà con un po’ di attenzione in più sarebbe stato possibile tagliare letteralmente la testa al toro e dichiarare la notizia l’ennesimo caso di bufala con protagonista VIP, atta a raccogliere in breve tempo discussioni e condivisioni.
La bufala infatti trae le proprie origini dal Corriere del Corsaro, raccolta di notizie “satiriche” inventate allo scopo, sulla cui pagina Facebook, consultata seguendo i consigli della guida da noi tradotta “Quattro semplici modi per evitare le Bufale” è possibile leggere notizie altrettanto assurde ed irreali come fantomatici attentati a “Monte Citorio”, inesistenti filmati virali che ritraggono molestie sessuali a Giancarlo Magalli (condite di immagini crudamente modificate al computer), sarcastiche asserzioni sull’incapacità della cosmonauta Italiana Cristoforetti di parcheggiare una vettura o una navetta (oggetto peraltro di severe critiche sulla rete).
La struttura del brano sulla D’Urso, come di tutti gli altri evidenziati è la stessa descritta nella guida che vi abbiamo proposto: in base all’aforisma presentato da Oscar Wilde ne “Il Ritratto di Dorian Gray” per cui “C’è solo una cosa al mondo peggiore di essere oggetto di discussione: non esserlo affatto”, sovente bastardizzato in “Nel bene o nel male… purché se ne parli” gli autori di testi “virali” costruiscono le loro bufale o beffe (il confine diventa spesso sfumato) intorno a personaggi amati o discussi, capitalizzando sulle paure e i desideri di rivalsa del pubblico, sapendo che sia che ottengano i favori del loro uditorio che le loro critiche, alla fine della giornata, avranno ottenuto condivisioni, accessi alla pagina e nuovi lettori.
Quindi, spetta a voi interrompere il gioco ricordando che siete voi lettori ad avere il potere di amministrare o meno quella fama.
 

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News