BUFALA Percorre 380 km per sbranare il padrone che lo aveva abbandonato sull’autostrada – bufale.net

di LO SBUFALATORE Claudio Michelizza |

BUFALA Percorre 380 km per sbranare il padrone che lo aveva abbandonato sull’autostrada – bufale.net Bufale.net

bufale

Era stato abbandonato dal padrone perché nel residence dove erano diretti lui e la moglie non erano ammessi animali. Arriva l’estate e l’allarme “abbandono” torna inesorabile e puntuale sulle strade Italiane. Questa volta però, il tenero Tobia dopo esser stato scaricato sull’autostrada dai padroni non è finito sotto una macchina e non è nemmeno stato catturato dagli accalappiacani: Tobia è riuscito a tornare a casa.
Ha percorso 380 km, si è nutrito negli autogrill, nelle piazzole e nei brevi tratti di natura che lo hanno separato dalla sua meta. Dopo dodici giorni, Tobia è finalmente riuscito a ritrovare la sua casa.
Quando si è trovato dinanzi l’incredulo padrone però, non gli è corso incontro per fargli le feste come al solito: con le sue ultime forze si è avventato contro di lui, azzannandolo alla gola con un balzo degno di un temibile predatore, ha strappato via la carne recidendo la giugulare e poi ha continuato ad infierire su di lui riducendolo in brandelli. Il cane è Stato Abbattuto dalle Autorità competenti, La famiglia dell’uomo azzannato dal suo cane è rimasta sconvolta da questa storia e adesso vogliono soltanto dimenticare la tragedia e lasciarsi tutto alle spalle.

Per quanto la storia sia palesemente assurda,  i commenti inorriditi di molte persone e le segnalazioni che ci sono pervenute ci hanno costretto a creare un articolo proprio per smentire questa notizia, forse anche dovuta alla fama del corrieredelcorsaro quando era ancora sul dominio alterivista.
Infatti seppur molti articoli risultino divertenti, non bastano a dimenticare un passato di articoli atti ad indignare le persone per fare traffico.
Potete stare tranquilli la notizia è una bufala e per una volta abbiamo sorriso anche noi.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News