BUFALA Incredibile Calamaro Gigante ritrovato stamattina nella spiaggia di Marsala

di Luca Mastinu |

bufala calamaro gigante mask

Ci segnalano questo articolo pubblicato il 29 Ottobre 2016 sul sito Il Patriota:

La sorpresa che hanno avuto stamane gli abitanti di Marsala, in Sicilia, è di quelle da lasciare a bocca aperta. Un calamaro gigante, lungo 25 metri e largo 12 metri, è stato ritrovato morto nella spiaggia, con ogni probabilità trascinato dalle forti correnti presenti negli ultimi giorni. Il primo a vederlo è stato il signor Filippo, un pescatore che tutti i giorni si alza alle 5:00 per andare a lavorare, e che stamattina non è riuscito credere ai suoi occhi.

“Stavo andando a sistemare le reti del mio peschereccio quando, ancora lontano dalla spiaggia, ho visto qualcosa di enorme. All’inizio ho pensato che si trattasse di una strana nave, poi avvicinandomi un po’ di più mi sono reso conto che fosse un’enorme creatura. Fu allora che mi fermai spaventato e decisi di chiamare la Polizia. Mentre aspettavo l’arrivo degli agenti, mi sono preso di coraggio e mi sono avvicinato un po’ di più. Ho subito capito che si trattava di un calamaro gigante. Credevo che esseri del genere vivessero solo negli oceani e che fossero particolarmente rari. Non avevo mai visto nulla del genere finora. Fa paura, ma dispiace vederlo così, morto e immobile sulla spiaggia…povera bestia”.

Queste le parole del simpatico signor Filippo, riportate in italiano dato che parla solo il dialetto .

Solo poche ore dopo il primo avvistamento la spiaggia si è riempita di curiosi, e in questo momento la polizia ha dovuto isolare la zona non consentendo di avvicinarsi a meno di 300 metri. E’ comunque possibile vedere la bestia anche da questa distanza (e oltre) per via delle sue enormi dimensioni. Gli unici che possono passare sono gli studiosi. Tra di loro c’è il professor Bernardo Vicentini, ordinario della cattedra di Ittiologia della Sapienza, chiamato immediatamente sul luogo e arrivato poco dopo le due di oggi pomeriggio. Sarà lui a gestire le ricerche su dei campioni prelevati dalla creatura. Non c’è comunque alcun dubbio: si tratta di un Architeuthis gigantis, specie mai ritrovata dall’uomo, la cui esistenza fu solo stata ipotizzata durante alcune spedizioni oceanografiche negli anni passati.

Il calamaro gigante resterà nella spiaggia fino a domani quando, prima del tramonto, delle speciali gru lo preleveranno per trasportarlo al più vicino centro di smaltimento carcasse. Qui verrà incenerito dopo che verrà sezionato in parti più piccole (l’inceneritore non può contenerlo), per tale motivo si sta pensando ad una soluzione logisticamente compatibile, e si stanno valutando i mezzi più idonei da utilizzare.

Il Patriota è non è una testata giornalistica, come dichiarato nella scheda About us:

Il Patriota non è una testata giornalistica, e non viene aggiornato quotidianamente. Alcune delle notizie riportate potrebbero essere inesatte o inventate a scopo satirico, per far riflettere o semplicemente per divertire. Vogliate comunicarci se qualche contenuto presente nel sito turbi la vostra sensibilità, provvederemo a rimuoverlo o modificarlo.

Siamo dunque di fronte a una notizia creata appositamente a scopo satirico. La foto è riciclata da un precedente fotomontaggio di un articolo che già avevamo trattato su un mostro marino catturato a Tropea. A sua volta, la bufala del mostro marino di Tropea era stata creata ad hoc partendo dall’immagine di una balena trovata morta sul golfo di Arauco, a sud-ovest di Santiago, in Cile. Possiamo trovare conferma in questo articolo del sito Before it’s news dell’11 Aprile 2011.

La balena morta sulla spiaggia di Arauco, Cile
La balena morta sulla spiaggia di Arauco, Cile

La location è sempre la stessa: la spiaggia di Arauco. Dalla vera storia di una balena si sono susseguiti mostri marini e calamari giganti. Le bufale ambientate nella spiaggia di Arauco (poi divenuta Tropea, poi Marsala) sono elencate in questo articolo di Oddmag.

Il vero calamaro, ritagliato e montato sulla foto originale, possiamo trovarlo in questo articolo pubblicato da Giornalettismo il 10 Gennaio 2016:

squid1

Bufala, dunque. Una minestra riscaldata.

Latest News