BUFALA Hyatt Hotels bandisce i conservatori dagli alberghi

di Bufale.net Team |

BUFALA Hyatt Hotels bandisce i conservatori dagli alberghi Bufale.net

La catena alberghiera Hyatt avrebbe dichiarato che non ospiterà più clienti o riunioni di conservatori. Questa è l’accusa di alcuni gruppi.

La decisione del Hyatt Hotels Corp. nel settembre 2018, di bandire i gruppi di odio dalle loro proprietà, ha portato a un’accusa infondata secondo la quale la catena stava voltando le spalle a tutti i conservatori politici.

ACT for America (AForA) ha quindi accusato la catena alberghiera di aver lanciato una “campagna di diffamazione finanziata da Soros”, invocando una cospirazione popolare conservatrice. Il comunicato è stato pubblicato online il 4 ottobre 2018.

«Le loro decisioni di mettere al bando i  “gruppi di odio” sono in realtà una decisione per bandire tutti gli amanti della libertà… », si legge nella dichiarazione. «Mentre ci aspettavamo questo dai radicali di sinistra, non ci aspettavamo certo che una catena americana di hotel di spicco usasse il suo marchio e la loro influenza contro la voce conservatrice»:

La dichiarazione di ACT for America è stata rilasciata in risposta all’annuncio di Hyatt del 28 settembre 2018, in cui non avrebbero più consentito ai gruppi “che cercano principalmente di denigrare o sminuire un gruppo specifico di persone, di ospitare riunioni o eventi nei nostri hotel”.

La situazione

AForA ha affermato di non essere un’organizzazione anti-musulmana e non dovrebbe essere esclusa dalla politica contro i gruppi di odio di Hyatt. Ma il leader di AForA, Brigitte Gabriel, ha sostenuto che il mondo arabo è assalito dalla “barbarie” e che la gente in quei paesi “è morta per uccidere e distruggere”.

Il gruppo ha anche organizzato eventi “March Against Sharia” nel 2017, utilizzando l’affermazione conservatrice secondo cui “la legge della sharia” sta crescendo negli Stati Uniti.

Il Southern Poverty Law Center (SPLC) ha designato AForA come un gruppo d’odio, sostenendo che “suggerisce teorie cospirative anti-islamiche selvagge, denigra i musulmani americani e confonde deliberatamente l’Islam vero con quello radicale”.

L’annuncio della politica di Hyatt è arrivato poco dopo che uno dei loro hotel a Crystal City, in Virginia, ha ospitato la conferenza annuale di AForA, durante la quale Gabriel si vantava di avere un “incontro permanente una volta alla settimana” con il presidente Donald Trump.

La scelta del sito della conferenza di AForA ha provocato una campagna di proteste da parte di gruppi attivisti come MoveOn e Muslim Advocates che hanno invitato Hyatt a respingere il gruppo di Gabriel.

Il 30 agosto 2018, i gruppi di attivisti hanno consegnato 100.000 firme per una petizione che chiedeva a Hyatt di non ospitare la conferenza di AforA. Tuttavia, l’evento è stato comunque organizzato come previsto.

Scott Simpson, direttore della difesa pubblica per gli avvocati musulmani, ha definito la decisione di Hyatt “una boccata d’aria fresca” e ha respinto le affermazioni di AForA su un divieto totale ai conservatori.

“Certamente non voglio che i conservatori siano banditi”, ha detto Simpson. “Non li sostengo, e so che gli avvocati musulmani non li sostengono.”

Nel frattempo, gli hotel Hyatt non stanno bandendo gli eventi conservatori in generale. Il Consiglio esecutivo legislativo americano, che ha sostenuto politiche conservatrici, ha in programma un vertice politico in un hotel Hyatt a Washington, DC, nel novembre 2018.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News