BUFALA Fabio e Mingo sospesi perché sostengono il Movimento 5 Stelle – Bufale.net

di Shadow Ranger |

BUFALA Fabio e Mingo sospesi perché sostengono il Movimento 5 Stelle – Bufale.net Bufale.net

bufala-fabio-mingo-movimento-5-stelle-mediaset
La movimentata querelle mediatica riguardante il mistero della sospensione di Fabio e Mingo, duo comico ed inviati d’assalto della trasmissione di Infotainment “Striscia la Notizia” continua a far parlare di sé, suscitando ogni sorta di bizzarria sul tema.
Abbiamo già sconfessato la teoria che vede i reporter della nota trasmissione satirica arrestati per un traffico di droga e prostitute, ma adesso il noto portale di notizie satiriche ed inventate (di cui più volte abbiamo parlato negli ultimi tempiLavocea5stelle ci riprova, buttando benzina sul fuoco con un suo articoletto:

Cominciano a delinearsi i contorni di una storia che potrebbe avere dell’incredibile. Dall’incontro tra il duo comico pugliese e i vertici Mediaset è emersa, infatti, una verità inquietante: pare che il casus belli sia l’appoggio in prima persona da parte di Mingo alla candidata delMovimento 5 Stelle alle elezioni regionali in Puglia, Antonella Laricchia, tra l’altro cugina dell’ormai ex inviato di “Striscia la Notizia“.
Questa è dittatura mediaticasi difendono i due – la Costituzione prevede che nessuno debba essere discriminato per la propria ideologia. La verità è che Striscia ormai non è più garanzia di integrità morale, e questa è una cosa gravissima per chi si erge a paladino della giustizia.”
Nel frattempo Antonio Riccio annuncia su twitter di essere alla ricerca di nuovi inviati “di fiducia” per il Meridione.

Come negli altri casi, dei piccoli indizi lasciano trapelare l’origine farsesca dell’articolo, come il patron Antonio Ricci che viene trasfigurato in “Antonio Riccio”.
Come in tutti gli altri casi, gli oltre cinquecento condivisori che nell’arco del primo pomeriggio di condivisione della notizia hanno contribuito a renderla virale hanno omesso di leggere l’annuncio in calce alla notizia:

“Blog satirico, a volte serio, spesso satirico”. L’osservatore politico è un blog satirico, dunque articoli o titoli contenuti al suo interno possono essere totalmente o parzialmente inventati e/o manipolati, a fini esclusivamente goliardici. Si invita sempre a verificarne la veridicità. Non ci assumiamo responsabilità per l’altrui ignoranza. Cassazione civile , sez. III, sentenza 08.11.2007 n° 23314. “La satira è espressione artistica nella misura in cui opera una rappresentazione simbolica che propone quale metafora caricaturale. La peculiarità della satira, che si esprìme con il paradosso e la metafora surreale, la sottrae al parametro della verità e la rende eterogenea rispetto alla cronaca; a differenza di questa che, avendo la finalità di fornire informazioni su fatti e persone, è soggetta al vaglio del riscontro storico, la satira assume i connotati dell’inverosimiglianza e dell’iperbole per destare il riso e sferzare il costume.”

Nonostante infatti lo stesso sito precisi che le loro “notizie” sono beffe inverosimili, iperboliche ed ilari, non sempre pare che il pubblico di riferimento sia in grado di cogliere questa sfumatura.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News