BUFALA Canadesi affrontano grave carenza di ciambelle dopo la prima giornata di legalizzazione della cannabis

di Bufale.net Team |

BUFALA Canadesi affrontano grave carenza di ciambelle dopo la prima giornata di legalizzazione della cannabis Bufale.net

Che la cannabis metta fame è risaputo, ma ora arriva la bufala dal Canada, secondo paese al mondo a legalizzarla completamente.

canada

Tim Hortons, leader dei famosi Donut, ha dovuto, in sette diverse province, chiudere in anticipo per mancanza di personale e carenza di ciambelle e pasticcini, dopo che il Canada ha legalizzato l’uso ricreativo della marijuana.

La bufala

Gli esperti speculano su come la nuova legge avrebbe avuto un impatto sul paese. Genererebbe miliardi di dollari in vendite e entrate fiscali? Ridurrebbe il crimine? Aumenterebbe l’uso di droghe? O darebbe all’intero paese un caso inestinguibile di fame chimica?

Il 18 ottobre 2018, il sito Web World News Daily Report (WNDR) ha affrontato l’ultima domanda pubblicando un articolo in cui si diceva che la legalizzazione della marijuana in Canada aveva prodotto una conseguenza non intenzionale: una carenza di ciambelle.

Lo avrebbe riferito un portavoce della Tim Horton, James Dyke. Ovviamente, questo rapporto non era una vera e propria notizia. World News Daily Report è un sito di intrattenimento con una lunga storia di pubblicazione di notizie spazzatura. Il sito contiene una dichiarazione di non responsabilità che afferma che tutto il suo contenuto è “fittizio”.

Il Canada non ha dovuto affrontare una carenza di ciambelle a causa dei crescenti casi di “fame chimica”. Ma questa notizia ricorda vagamente quella riportata dalla CNN, in cui una bambina di 9 anni aveva aperto una rivendita di biscotti ai canadesi amanti della cannabis, vendendo tutta la sua scorta entro un’ora.

Elina, questo il nome, avrebbe esaurito i suoi biscotti in soli 45 minuti, per un totale di $ 120 canadesi di incasso.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News