BUFALA Boldrini: “Chi ha la sindrome di Asperger è ritardato, non merita diritto al voto” – bufale.net

di Shadow Ranger |

BUFALA Boldrini: “Chi ha la sindrome di Asperger è ritardato, non merita diritto al voto” – bufale.net Bufale.net

boldriniaspergerCi segnalano i nostri contatti l’ennesima bufala del Coriere, uno dei tanti giornali autonominatosi satirici composti dalla formula acchiappaclick

Titolo simile a quello di un giornale reale + una struttura WordPress appena sufficiente a propagare la combo testo – immagine + Portale Facebook dove condividere le proprie creazioni

Che ha deciso di prendere di mira il Presidente della Camera Laura Boldrini (verso la quale il portale Facebook collegato alla loro pagina rivela un certo bias, se non antagonismo di fondo) con un testo virale:

15871333_1303591063041647_821732486_nBerlino. Durante il convegno avvenuto a Berlino poche ore fa in mattinata con Angela Merkel e il neo presidente del consiglio Gentiloni è stata rievocata dalla presidentessa Laura Boldrini la storia famosa di Putin che sarebbe Asperger (cosa tuttavia mai confermata, anche perché quell’uomo non è rincoglionito come quella gente, nota di Gaetano Sbattiporta).

Al convegno ha partecipato il noto psicologo austriaco Wolfgang Wagner, sostenitore dell’amore libero (anche infantile, sì infantile avete capito bene if you know what I mean) invitato perché sta gente è condiziona dai media web… ah ehm… volevo dire condizionata dalle mammine zoccole e dalle infermiere frustrate che in genere gestiscono quei gruppi. Non a caso ogni qual volta metti in dubbio questa boiata della psichiatria ufficiale cominciano a dirti “ma non capisci niente”, “ma non sei asperger” (e meno male qui…) o cagate del genere, perché molte di loro si avvalgono del filtro d’autorità “sono infermiera? Ho ragione per forza” o della classica parola magica “maschilismo”, non è un caso che il 90% di quei gruppi sia gestito da questa gentaglia.

Tant’è che la regione Puglia ne approfitta molto dei servizi psichiatrici italiani per fare figli. Mi spiego meglio. Mancano i soldi? Perfetto: fai un figlio. Appena raggiunto una certa età gli fanno fare una diagnosi psichiatrica in modo da prendere soldi dall’accompagnatoria e dall’invalidità del nato malcapitato (avete presente tipo Truman Show?) e vivere non dico di rendita, ma quasi! O al limite avere un (quasi) fisso reddito passivo.

Ma torniamo a noi. Dopo che il dr. Wagner, psicologo dell’università di Vienna (psicologia) ha detto che gli asperger sono strambi e vanno capiti la Boldrini ha detto una cosa che farà scoppiare molte polemiche “Chi ha la sindrome di Asperger è ritardato, non merita diritto al voto ho avuto un fidanzato asperger anni fa, un rincoglionito mastodontico, un deficiente allucinante, dovevo guidare io per lui, ma si può? Pure paura di guidare avere ‘sto idiota” – e successivamente ha aggiunto – “Pure la mia ex migliore amica era asperger, non usciva mai di casa se non a forza, inoltre si considerava uomo anche se aveva una vagina in mezzo alle gambe e io che sto qui a dire che il gender non esiste porco Demonio”

A quel punto il professore emerito Wagner sostenitore della pedof… ehm… dell’amore libero infantile “è incredibile come i gruppi asperger funzionino per far sentire sta gentaglia diversa dalla massa, una strategia commerciale per aumentare il mercato di farmaci psichiatrici, specie della Bayer che ha funzionato a menadito, un po’ come il tatuaggio che molti credono sia simbolo di diversità quando invece ormai lo hanno tutti. Oggigiorno l’avere la sindrome di Asperger è come il tatuaggio: la speranza del poveraccio di sentirsi accettato dalla società, di entrare nella mente generica sociale senza riuscirci mai. E mentre io da bravo psicologo uso il filtro d’autorità, mi danno retta solo perché sono psicologo non per altra ragione… non avessi la laurea avrei automaticamente torto, facendo finta di combattere le istituzioni avendo in realtà aderito alla massoneria bavarese, non faccio altro che alimentarle, se non ci fossero discriminazioni verso queste persone psichiatri e psicologi perderebbero il lavoro!!!! Per questo non posso permettere che le discriminazioni finiscano e concordo con quanto detto dalla Signora Boldrini sulla questione di togliere il diritto al voto a chi ha la sindrome di Asperger! In questo modo aumenteranno le diagnosi della gente che si fa discriminare apposta per avere più diritti sugli altri, come le femministe! Non è un caso che spesso molte Asperger o presunte tali (non ci vuole una cima per falsificare una diagnosi di merda se non esistono strumenti diagnostici… e se tutto va bene molti e molte avranno pure la diagnosi fatta su Google) siano femministe, del resto il femminismo è farsi discriminare apposta per avere più diritti su chi si presume ti perseguita [KOLPA DEL PATRIARKAT11!!!!1!! citazione necessaria] inventando femminicidi che non esistono. Piano piano le persone si abitueranno a considerare normale anche le cose più inaccettabili, come la pedofilia. E l’asperger ha un ruolo determinante nel processo di far cambiare idea alla massa…”

Il testo nell’articolo è una lunga geremiade di attacchi ad personam un po’ contro tutti: omosessuali, Laura Boldrini, meridionali, stranieri, femministe, madri, infermiere… ma al nostro viralizzatore non importa. Come vedete, il campo anteprima riporterà solamente il titolo e la foto.

E come avrete notato, e come il nostro lettore ci ha indicato, il nostro burlone ha deciso di investire nella sponsorizzazione Facebook della sua creazione in modo che il suo meme asceso diventasse un forced meme, un vero e proprio investimento pubblicitario.

La bufala si commenta da sola, ma vogliamo lasciare l’ultima parola al suo autore, che ormai gioca a carte scoperte:

Screenshot 2017-01-04 15.42.41Coriere dela Sera Non vedo ancora commenti incazzati: suvvia, impegnatevi!
È tutto lì il bello!

– Gaetano Sbattiporta.

Coriere dela Sera Come volevasi dimostrare tutti si focalizzano sul “è una bufala” io noto invece commenti contro questa donna e commenti incazzati in generale, forse la frase che le abbiamo appioppato in bocca non è così lontana dalla realtà…

– Geatano Sbattiporta

Ciò posto, ora la scelta tra a voli: informarvi e interrompere la condivisione di un contenuto che vi è pervenuto, sottolineamo, mediante sponsorizzazione, sulle vostre bacheche, oppure prestarvi a far parte di una macchina dell’odio.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News