Battibecco tra Eros Ramazzotti ed Enrico Ruggeri sul caso Aurora Leone

di Redazione Bufale |

Eros Ramazzotti
Battibecco tra Eros Ramazzotti ed Enrico Ruggeri sul caso Aurora Leone Bufale.net

Un autentico botta e risposta quello che registriamo in queste ore tra Eros Ramazzotti ed Enrico Ruggeri, a proposito del caso Aurora Leone. A distanza di oltre una settimana dalla denuncia da parte dell’attrice di The Jackal, le ultime novità sulle accuse di sessismo prima della partita del cuore confermano la querela dell’ormai ex Direttore Generale della Nazionale Cantanti, Gianluca Pecchini. Ne abbiamo parlato proprio in queste ore, considerando che ora l’uomo vuole difendersi dalle accuse. Contestualmente, sta prendendo piede un’altra disputa.

Come si è sviluppato il botta e risposta tra Eros Ramazzotti ed Enrico Ruggeri sul caso Aurora Leone

La ricostruzione più recente, almeno per quanto riguarda la disputa tra Eros Ramazzotti ed Enrico Ruggeri, ha visto quest’ultimo pubblicare un post ulteriore su Facebook, dando una nuova versione dei fatti su quella serata. Il cantante ha citato lo stesso Eros Ramazzotti una sola volta, evidenziando che sia stato il primo ad “abbandonare la nave” e a decidere di non giocare. Successivamente, parlando sempre della prima persona che si è tirata indietro, ha lasciato intendere che sia stato proprio Eros a suggerire le dimissioni di Gianluca Pecchini.

Accuse pesanti, ma anche il messaggio implicito sul fatto che lo stesso Pecchini, a suo modo di vedere non sarebbe colpevole delle accuse che gli sono state rivolte. In realtà, il post di Enrico Ruggeri fa discutere anche in merito all’arbitraggio femminile di quella partita: “Ci piaceva che una donna decidesse e noi fossimo costretti ad ubbidire“.

L’ultimo capitolo arriva da una storia Instagram di Eros Ramazzotti, ancora disponibile per qualche ora. Senza nominare Enrico Ruggeri ed il caso Aurora Leone, il cantante ha utilizzato una citazione nota a tutti: “Non confondere mai il mio silenzio per ignoranza, la mia calma per accettazione o la mia gentilezza per debolezza. La mia tolleranza non è un segno di debolezza ma bensì un segno di forza”. Vedremo se ci saranno altri capitoli per questa vicenda.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News