Bambino decapitato durante il parto: gli infermieri tirano troppo forte, la testa resta nell’utero

di Luca Mastinu |

I nostri lettori ci segnalano una notizia pubblicata da Leggo.it che riporta un caso terribile in cui un bambino sarebbe rimasto decapitato durante il parto in quanto gli infermieri avrebbero tirato troppo forte.

Secondo quanto riporta Leggo.it sarebbe stata impiegata troppa forza da parte dei sanitari durante le manovre per far nascere il piccolo, tanto da provocarne la morte per decapitazione. La terribile vicenda è avvenuta nel distretto di Jaisalmer, nel Rajasthan.

Trilok Singh, il padre del bambino, ha raccontato che il 6 gennaio aveva portato sua moglie all’ospedale di Ramgarh, ma il medico ginelocogo non era in sede e un infermiere aveva chiamato un collega per procedere col parto. Durante le manovre per far nascere il piccolo, la donna aveva accusato un forte dolore e i sanitari avevano riferito che si era presentata una complicazione, e che il bambino non sarebbe sopravvissuto. In pratica, i due infermieri si erano occupati del parto senza la presenza di un medico e nel tirare il corpicino del bimbo avevano impiegato troppa forza. Il feto, infatti, era venuto fuori senza la testa, che era rimasta nell’utero, e il corpicino senza vita era stato depositato nell’obitorio del centro. I sanitari avevano consigliato alla coppia di recarsi presso l’ospedale di Jodhpur per un nuovo intervento.

La coppia, in ogni caso, non era al corrente che la piccola testa del bambino era rimasta nel ventre della donna. All’ospedale di Jodhpur era stata sottoposta a un secondo intervento, e il dottor Ravindra Sankhla aveva dovuto informare la coppia circa la tragica scoperta.

Il riscontro trovato su TPI News rimanda alla testata Indian Express, che riporta già dall’occhiello le dichiarazioni di Jalm Singh della Polizia. Singh dichiara che gli investigatori hanno recuperato la metà del corpicino rimasta presso l’ospedale di Ramgarh che le indagini sono in corso. Gli agenti, intanto, hanno fermato due persone per sospetta negligenza nei confronti della donna partoriente.

Il Giornale riporta, inoltre, che il Ministro della Salute dello Stato Indiano del Rajasthan Raghu Sharma ha ordinato un’inchiesta chiedendo che i colpevoli siano puniti e che siano messe in atto azioni severe una volta terminate le indagini. Il direttore della clinica di Ramgarh, ancora, ha dichiarato che nella notte tra il 6 e il 7 gennaio, in compagnia della donna c’erano due infermieri maschi e che il ginelocogo era in congedo.

Si tratta, dunque, di indagini in corso di cui vi riporteremo gli aggiornamenti in un prossimo articolo.

 

Latest News