Attacco di Susanna Ceccardi ai puffi: “Sono comunisti”. Ricostruzione delle dichiarazioni fake

di Redazione Bufale |

Susanna Ceccardi
Attacco di Susanna Ceccardi ai puffi: “Sono comunisti”. Ricostruzione delle dichiarazioni fake Bufale.net

Ci sono tutti i presupposti per parlare di dichiarazioni fake da parte di Susanna Ceccardi a proposito dei puffi comunisti. Da alcune ore a questa parte stanno girando sui social presunte dichiarazioni del candidato della Lega alla Regione Toscana, più o meno in linea con quelle autentiche della diretta interessata in merito alla canzone Imagine di John Lennon. Argomento, quest’ultimo, che abbiamo analizzato di recente e che per forza di cose ha fatto molto rumore per la sua particolare interpretazione.

Come nasce la bufala su Susanna Ceccardi che definisce i puffi “comunisti”

Proprio la questione che abbiamo affrontato, con ogni probabilità, è alla base della bufala relativa alle presunte dichiarazioni di Susanna Ceccardi sui puffi, definiti “comunisti” nel meme in circolazione oggi 9 luglio. Nello specifico, il virgolettato che vi riportiamo qui di seguito e che da giovedì viene associato a questo esponente della Lega sembra una sorta di rivisitazione delle sua parole su “Imagine”, con alcune modifiche qua e là per contestualizzare il discorso ai Simpson. Ecco il testo del meme:

“A dei bambini l’altro giorno è stato mostrato il cartone animato “I Puffi” dove gli abitanti del villaggio non hanno nomi ma vengono chiamati “puffo” seguito dal loro mestiere. Sapete chi faceva così? I comunisti. Il capo villaggio, tale “Grande Puffo” si distingue per il cappello rosso, colore del comunismo, ed è chiaramente ispirato a Marx. ll cartone sarà anche carino ma il messaggio è aberrante”.

Insomma, il parallelismo con Imagine è il primo punto da trattare nell’analisi sul meme che vede Susanna Ceccardi imputare ai puffi di essere comunisti. Il secondo, invece, riguarda il fatto che non ci siano tracce in rete su dichiarazioni del genere. Facile immaginare quanto rumore avrebbero queste parole nel caso in cui fossero state effettivamente pronunciate dalla candidata della Lega in Toscana. Potremmo dunque parlare di “nessuna fonte“, secondo lo stile che ci contaddistingue, ma alla luce dei fatti e dei dati appena riportati, siamo più propensi a categorizzare il meme in questione come “bufala“.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News