Sovranisti credono al ritiro della cittadinanza onoraria ad Andrea Bocelli a Bugliano: “Dittatura PD”

di Redazione Bufale |

Bocelli
Sovranisti credono al ritiro della cittadinanza onoraria ad Andrea Bocelli a Bugliano: “Dittatura PD” Bufale.net

Aggiornamento serale sulla bufala del Comune di Bugliano che ritira la cittadinanza onoraria a Bocelli: nonostante questo Paesino non esista, stanno fioccando commenti come “dittatura PD” e “Sindaco, dovrebbe vergognarsi”, a testimonianza della poca voglia degli utenti di documentarsi.

Articolo originale

Sta facendo discutere tanto la decisione del Comune di Bugliano, in merito al ritiro della cittadinanza onoraria per Andrea Bocelli. Una scelta che, come si può facilmente immaginare, nasce dalle dichiarazioni rilasciate nella giornata di ieri dal tenore in occasione del suo intervento al convegno con Salvini e Sgarbi. Secondo le informazioni che vi abbiamo fornito, nel dettaglio, il personaggio in questione avrebbe dapprima confessato di aver violato il lockdown, per poi affermare di non ritenere il Covid-19 così grave.

Dalle parole di Bocelli al Comune di Bugliano che gli ha ritirato la cittadinanza onoraria

Nello specifico, a Bocelli si contesta il fatto che, a suo modo di vedere, il Coronavirus sia stato in qualche modo ingigantito per il semplice motivo che ad oggi lui non abbia vissuto casi specifici di amici ricoverati in terapia intensiva. Presa di posizione che ha sollevato tante discussioni e che al contempo rischia in qualche modo di rovinare la sua immagine, almeno stando alle veementi reazioni sui social. La vicenda, però, ha assunto anche connotazioni politiche, fermo restando che il Comune di Bugliano non esista. Dunque, quanto segue è totalmente fake:

“RITIRATA LA CITTADINANZA ONORARIA AD ANDREA BOCELLI

Il sindaco dott. Fabio Buggiani comunica che la cittadinanza onoraria conferita ad Andrea Bocelli il 25/11/2013 come riconoscimento alla sua carriera e alla sua toscanità è stata ritirata. Questa decisione è stata presa dopo la dichiarazione del cantante di Lajatico che ha dichiarato durante un convegno di idioti:
“Io conosco un sacco di gente, ma non ho mai conosciuto nessuno che fosse andato in terapia intensiva, quindi perché questa gravità?”
Questa dichiarazione è stata presa molto male dai nostri cittadini, che durante la quarantena, al contrario di Bocelli, hanno rispettato le regole per contenere il virus.
Ad Andrea Bocelli fu consegnata anche la chiave della città, ma per quella risolveremo cambiando la serratura”.

Il post del Comune di Bugliano è ancora disponibile su Facebook. Tra coloro che stanno al gioco, assumendo il ruolo di complici e dando ragione alla finta amministrazione, e chi invece ci casca, abbiamo diversi commenti memorabili. Alcuni, infatti, non sapendo che si tratti di una pagina troll, attaccano il sindaco invitandolo a vergognarsi. Addirittura, La Nuova Padania ha pubblicato un articolo criticando la scelta del Comune, salvo poi accorgersi della gaffe, rimuovendolo in fretta e furia. Ne ha parlato anche Il Riformista.

Chiare le preferenze politiche di tali soggetti, che nelle parole di Andrea Bocelli sul Covid-19 vedono una tesi allineata almeno in parte a quanto dichiarato di recente da Matteo Salvini, il quale ieri ha rifiutato di mettere la mascherina in Senato. Resta il fatto che il Comune di Bugliano sia fake.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News