Arriva WhatsApp Pay: servizio già attivo in Brasile, presto anche in Italia

di Shadow Ranger |

Arriva WhatsApp Pay: servizio già attivo in Brasile, presto anche in Italia Bufale.net

Ci sono cose che aspettiamo da tempo: WhatsApp Pay è tra di queste.

Molte di queste, andando sul serio l’app Immuni e sul faceto la Playstation 5 e Animal Crossing per Nintendo Switch alla fine sono arrivate, nel momento in cui ci servivano e non un attimo prima.

Dopo un parto durato quasi sei mesi, ma perfettamente in orario con le scalette previste, anche WhatsApp Pay si è palesato.

Quantomeno, in una fase di test nel solo Brasile, ma si estenderà nel mondo

Cos’è WhatsApp Pay

Siete a conoscenza di sistemi come Satispay e PayPal: intermediari e strumenti che consentono di effettuare pagamenti online senza dover scomodare direttamente la propria carta di credito o debito rischiando di dare i dati a occhi indiscreti.

Un enorme vantaggio di questi sistemi di intermediazione è la perfetta integrazione verticale: se voglio comprare un oggetto su eBay o altri merchant (negozi online), un paio di click mi porteranno al sistema di intermediazione con tutte le voci già compilate e pronte.

La fusione tra WhatsApp e Facebook consente di usare la tecnologia di Facebook Pay per applicazioni simili.

Immaginate di entrare, mediante WhatsApp Business, nel canale chat di una ditta che vende ad esempio cellulari e computer. All’interno della chat nella quale state parlando, con un bot o un operatore, delle funzionalità del prodotto potrete provvedere all’acquisto con pagamento immediato.

O esattamente con PayPal potete attivare una modalità di pagamento al venditore con una piccola commissione e garanzie in caso di resi o danneggiamento del prodotto, ma anche una modalità per fare un prestito o un regalo ad amici e parenti, anche su WhatsApp potrete mandare un regalino ad amici e parenti.

Il tutto con le garanzie offerte dalle robuste sicurezze del mezzo elettronico, dal PIN alla password passando per le chiavi biometriche: banalmente, lo sblocco facciale unito o disgiunto dallo sblocco mediante sensore di impronte digitali ubiquo su ogni dispositivo di medio livello.

Naturalmente, servirà una carta di credito o debito abilitata, e ci saranno alcune sfide da superare. Secondo la Banca Nazionale Indiana ad esempio, il rischio è che l’estrema praticità del mezzo crei una ricca salva di microtransazioni difficilmente controllabili, cosa che ovviamente richiederà un piccolo periodo per abituarsi alla nuova tecnologia.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News