ACCHIAPPACLICK Trovato il branco dello stupro di Rimini: sono tutti africani

di Luca Mastinu |

ACCHIAPPACLICK Trovato il branco dello stupro di Rimini: sono tutti africani Bufale.net

Il 27 agosto 2017 Blasting News pubblica un articolo:

Lo #stupro è uno dei reati, insieme alla pedofilia, più odiosi che ci siano. Perché sono commessi ai danni di persone più deboli e indifese.Quanto successo a #Rimini la scorsa notte è qualcosa di terribile e odioso. Dopo aver stuprato la ragazza a turno sono fuggiti e, non contenti, hanno stuprato anche un transessuale peruviano. Fortunatamente la fuga degli stupratori avrà strada breve grazie alle indagini serrate della questura di Rimini.

Nord africani e pregiudicati, ecco l’identikit
La notte scorsa una coppia di ragazzi polacchi di 26 anni si era allontanata dal gruppo con cui erano in vacanza per avere un momento di intimità sulla spiaggia, quando all’improvviso 4 ragazzi coetanei si sono avvicinati ed hanno prima picchiato e rapinato lui e poi stuprato e seviziato lei.

A seguito delle ricerche della polizia sono stati identificati come cittadini extracomunitari provenienti dal Nord Africa. Gli stupratori, anche pregiudicati, hanno reiterato la violenza un attimo dopo quando sulla loro strada hanno incrociato un transessuale peruviano. Sfortunatamente la polizia ancora non è riuscita a catturarli, ma grazie alle testimonianze e ai filmati di videosorveglianza gli stanno col fiato sul collo. I giovani di etnia nord africana, probabilmente in stato di eccitazione a causa dell’assunzione di droghe e alcool, una volta catturati saranno processati per stupro, violenza e rapina. La questura di Rimini, guidata dal questore Maurizio Improta, gli sta dando la caccia notte e giorno.

Le condizioni delle vittime
Non appena subita la violenza i ragazzi, insanguinati, sono riusciti a trascinarsi in una via dove passava della gente.

A questo punto è stata chiamata subito un ambulanza e sono stati trasportati in ospedale. Le condizioni sono stabili per entrambi e sono state attivate tutte le procedure sanitarie in caso di stupro quindi anche il supporto psicologico. Ora la ragazza è ancora sotto chock mentre il ragazzo si è ripreso abbastanza bene. Si stanno aspettando ulteriori notizie e dettagli dalla sezione reati contro la persone della polizia per avere ulteriori informazioni sui responsabili. La coppia era in viaggio in Italia insieme ad un gruppo, ora rientrato in Polonia, e alloggiava in un albergo non lontano da dove è stato commessa lo stupro. Sul luogo della violenza la polizia scientifica ha prelevato del materiale da esaminare e sono in esame anche i filmati della videosorveglianza delle strutture limitrofe. #violenza sessuale

Come evidenziato, il titolo è contraddetto dal contenuto. Secondo il titolo, infatti, i 4 aggressori macchiatisi del brutale episodio sarebbero stati “trovati”, termine che per quanti non approfondiscono potrebbe essere inteso come “arrestati” o “catturati”. Non è così e il testo dell’articolo lo conferma.

In queste ore La Stampa ha pubblicato un articolo intitolato: “Brutale stupro di gruppo a Rimini, ancora in corso la caccia al branco” nel quale viene riportato che la giovane vittima sarebbe in grado di riconoscerli. I 4 ragazzi “probabilmente nordafricani” e presunti appartenenti al mondo dello spaccio di droga sono ancora liberi.

Sempre nelle ultime ore Andkronos scrive che il cerchio di stringe attorno agli aggressori, grazie anche a un identikit dei 4 fornito dalle vittime. Gli investigatori parlano di quattro marocchini. I due giovani aggrediti si trovano all’ospedale di Rimini e hanno ricevuto la visita del viceconsole polacco Bartosz Skwarczynski. Il Comune di Rimini si è reso disponibile per pagare il viaggio di rientro in Polonia della coppia.

I quattro aggressori non sono dunque stati trovati, ma le ricerche – secondo le fonti – sarebbero a buon punto. Un titolo come quello di Blasting News è una chiara esca per i lettori. La cancellazione dell’articolo (raggiungibile solo attraverso la cache) potrebbe essere una risposta.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News