13enne in questura dopo un furto, la zia va a prenderlo ma viene arrestata: era latitante

di Luca Mastinu |

13enne in questura dopo un furto, la zia va a prenderlo ma viene arrestata: era latitante Bufale.net

Una ragazza di 23 anni è stata arrestata nell’esatto momento in cui si è recata in questura per l’affidamento del nipote 13enne. Il ragazzino era stato sorpreso insieme a una complice, una giovane di 19 anni, mentre a Livorno tentava di intrufolarsi in un condominio di viale Alfieri con l’intento di rubare. Per questo la Polizia aveva fermato i due giovanissimi e li aveva portati alla Questura di via Fiume. Per l’affidamento del 13enne è dunque arrivata una zia materna la quale, però, è stata arrestata poco dopo il suo arrivo. La donna è risultata destinataria di una custodia cautelare e per questo è stata trasferita al carcere “Sollicciano” di Firenze.

La vicenda è riportata dalla stampa locale. Livorno Today scrive che i due giovanissimi erano in possesso di cacciaviti e chiavi inglesi. La 19enne che si trovava con il 13enne, inoltre, aveva infranto il divieto di ritorno nel comune di Livorno dal quale era stata allontanata.

Livorno Press aggiunge che in un primo momento gli Uffici della Squadra Mobile hanno contattato il padre del ragazzino per l’affidamento, ma l’uomo si è rifiutato di presentarsi e per questo ha mandato sua sorella, 23enne, per fare le sue veci.

La donna si è presentata presso la Questura in serata, ma durante i controlli al terminale la donna è risultata destinataria di una custodia cautelare emessa dalla Procura di Oristano per furti in appartamento. La donna, in poche parole, era latitante. Per questo la 23enne è stata trasferita al carcere di Firenze mentre il minore, suo nipote, è stato mandato in una casa-famiglia in provincia di Pisa.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News