CLICKBAIT Il vescovo scomunica le coop che hanno rovinato i soci

0
238
http://www.bufale.net/home/wp-admin/options-general.php?page=ad-inserter.php#tab-11

Il vescovo di Reggio Emilia ha scomunicato le coop che hanno “rovinato i soci”? No, si tratta dell’ennesimo tentativo di clickbait messo in atto per attirare click su questo articolo pubblicato dal sito DirettaNews24.it:

Reggio Emilia – È la prima volta che un vescovo «si permette» parlare di cooperative. Ma a Massimo Camisasca, le motivazioni non mancavano: dopo il crac di Unieco, ennesima cooperativa caduta sotto il peso di 500 milioni di euro di debito, i lavoratori lasciati a casa sono stati centinaia e il prestito sociale si è polverizzato.

Così il vescovo della Diocesi di Reggio Emilia ha lanciato un appello a fare di tutto per salvare i posti di lavoro e i risparmi di una vita di piccoli soci che ciecamente hanno creduto nelle virtù della cooperazione rossa, anche per via dei tassi di interesse altissimi.

«Non si può gestire un evento cooperativo con i criteri del capitalismo avanzato. Se si vogliono fare soldi, non si devono fare le cooperative. Se si vogliono fare le cooperative, non è questa la strada per fare soldi», ha detto intervistato dalla Gazzetta di Reggio. Apriti cielo. Eppure quella che ha espresso Camisasca non è altro che una verità taciuta da decenni. Cooperative cresciute come holding ricchissime con quotazioni e società satellite, Unieco l’ultima caduta, ne aveva 200. Insomma: traditi i valori cooperativi. Se a dirlo nella terra di Camillo Prampolini è un vescovo ecco che si ripropone il cliché di don Camillo e Peppone, con la centrale cooperativa a fare la parte del sindaco rosso.

Infatti Legacoop Reggio, il cui ex presidente nazionale, Giuliano Poletti, siede oggi nella poltrona di ministro del Lavoro, se l’è presa come non mai era accaduto. E nel replicare al prelato ha pensato di buttarla sul pietistico.

«Se le parole del vescovo si riferiscono a un impegno e a una disponibilità comune a partecipare a una iniziativa di solidarietà che possa risolvere i problemi delle imprese cooperative e dei loro soci, allora con queste ci troviamo e ci troveremo sempre d’accordo». Che tradotto vuol dire: anche la Chiesa contribuisca a restituire il debito dei piccoli soci. La cosa potrebbe sembrare una battuta, ma battuta non è, specie se si considera che il principio della mutualità qui è sempre stato inteso così: finché c’è trippa è merito del partito, se la trippa finisce è colpa di tutti. Infatti a ben vedere il dibattito in questo scorcio di Emilia a fronte dell’ennesimo fallimento del sistema cooperativo, la colpa sembra che non se la voglia prendere nessuno.

Lo testimoniano le prese di posizione di giornali e partiti, leggi il Pd, che si stanno smarcando da tutto e da tutti, dando la colpa ai dirigenti. Eppure, il Pd, i giornali locali, le consorterie varie, nella mangiatoia delle coop si sono abbuffati per tutti questi anni, con reciproci interessi, porte girevoli e cinghie di trasmissione. Oggi la parola d’ordine del Pd renziano è: scaricare quei vecchi comunisti di ex presidenti di coop. In questo quadro si comprende come le parole del vescovo abbiano sparigliato le carte suonando il gong finale su un sistema economico e sociale che non tiene più il passo con i tempi e rivela tutte le sue fragilità, acuite da una crisi che, chiudendo i rubinetti dei comuni, ha sigillato i lucchetti dei cantieri.

Basta leggere l’articolo per scoprire facilmente che il vescovo di Reggio Emilia non parla di alcuna scomunica. 

Il testo non è altro che un copia e incolla di questo articolo pubblicato su Il Giornale.it a firma di Andrea Zambrano:
vescovo di reggio emilia
Nel testo, scritto in forma di editoriale, non vi è alcuna scomunica da parte del vescovo di Reggio Emilia alle coop, ma solo una critica alle stesse:
«NON SI PUÒ GESTIRE UN EVENTO COOPERATIVO CON I CRITERI DEL CAPITALISMO AVANZATO. SE SI VOGLIONO FARE SOLDI, NON SI DEVONO FARE LE COOPERATIVE. SE SI VOGLIONO FARE LE COOPERATIVE, NON È QUESTA LA STRADA PER FARE SOLDI» HA DETTO INTERVISTATO DALLA GAZZETTA DI REGGIO.
Tra l’altro la scomunica, ovvero il più alto grado di separazione dalla Chiesa Cattolica, non può essere emanata nei confronti di una associazione (leggi cooperativa), ma solo ad una persona fisica (leggi fedele):
La scomunica può essere inflitta solo a una persona fisica, laica o ecclesiastica, non a enti e confraternite. (fonte wikipedia)
Quindi il Vescovo di Reggio Emilia non avrebbe mai potuto scomunicare le coop, cosa che tra l’altro non ha nemmeno mai dichiarato di voler fare.